Terapia ormonale, ora è gratuita anche in Italia: ecco come funziona

0
234
bagni gender free

È di pochi giorni fa la notizia dell’erogazione gratuita dei farmaci per la terapia ormonale alle persone con disforia di genere residenti in Emilia-Romagna. A seguito della decisione della giunta regionale, l’Aifa ha deciso di estenderne l’erogazione a tutta la penisola, portando la comunità LGBT a una grande vittoria.

Ti consigliamo come approfondimento – Omofobia come razzismo, passa la proposta: arrivano pene severissime

Terapia ormonale gratuita: grande vittoria per la comunità transessuale

terapia ormonaleUn grande traguardo per la comunità LGBT e in particolar modo per le persone con disforia di genere, per le quali la terapia ormonale, dal 30 settembre, è divenuta gratuita sull’intero territorio nazionale. Questi saranno erogati nel momento in cui un’equipe multidisciplinare e specialistica dedicata diagnosticherà una disforia o incongruenza di genere.

A dare la notizia è l’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco), che ha inserito i farmaci nell’elenco di medicinali erogabili a carico totale del Servizio Sanitario nazionale. Quelli per la terapia ormonale sono stati classificati come farmaci di classe H. Potranno dunque essere distribuiti gratuitamente dalle farmacie ospedaliere. Tra questi:

  • Testosterone;
  • Triptorelina;
  • Spiroolattone;
  • Leuprolide;
  • Estradiolo;
  • Estradiolo emiidrato;
  • Estradiolo valerato.
Ti consigliamo come approfondimento – Bagni gender free: arriva la toilette per il “terzo sesso”

Dall’Emilia-Romagna all’intera penisola

terapia ormonaleL’Emilia-Romagna è stata la pioniera per l’erogazione gratuita dei farmaci ormonali. La giunta regionale, infatti, aveva per prima previsto la delibera per la terapia ormonale gratuita per le persone con disforia di genere residenti sul territorio regionale. Subito dopo l’estensione a livello nazionale della delibera, il Movimento Identità Trans ha commentato la notizia. “Le cose non stanno ferme. Le importanti istanze del mondo trans continuano e si muovono seguendo la doppia via della lotta e della trattativa istituzionale-politica”. Il Movimento e la sua rappresentanza legale, affiancato dalla dottoressa Meriggiola, responsabile del Reparto Ginecologia al Sant’Orsola di Bologna e dalla dottoressa Iardino dell’ISS, hanno contrattato con l’AIFA su una questione tanto complessa e delicata.

Ti consigliamo come approfondimento – Pompei: la sessualità dagli antichi Romani ai tempi nostri

Disforia di genere: cos’è?

terapia ormonaleSentiamo molto parlare di identità, identità di genere e sessualità. Tre termini che spesso vengono confusi tra loro. Gli studi di genere sono molto recenti e per molti possono risultare all’apparenza ancora poco chiari.

Prima di parlare di disforia di genere, bisogna chiarire cosa sia l’identità di genere, ovvero il senso di appartenenza a un genere nel quale la persona si identifica. L’individuo che presenta una disforia di genere non si riconosce nel suo sesso biologico. La legge tutela e riconosce la possibilità di ricevere supporto psicologico e assistenza medica al fine di avviare una transizione per un cambio di sesso anagrafico e anatomico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here