Terremoto Turchia-Siria: ora 2.000 morti accertati, ma si prevedono 10.000 vittime

0
660
Terremoto Turchia diecimila morti
Fonte ANSA

Terremoto Turchia diecimila morti: la terra in Turchia e Siria trema ancora e secondo gli esperti potrebbero circa 10.000 i morti. Dopo le terribili scossa di stanotte, intorno alle 12 la terra ha tremato ancora. Al momento il numero delle vittime è intorno a 2mila ma potrebbe essere molto più alto.

Ti consigliamo come approfondimento-Allarme tsunami in Italia realmente revocato? Nuova scossa in Turchia e Iran: ecco cosa sta accadendo

Terremoto Turchia diecimila morti: ancora scosse

terremoto, strage pasqua casilinaAlle 11,24, ore italiane, la terra ha tremato ancora in Turchia e in Siria: registrata un’altra scossa di magnitudo 7,5. La situazione è sempre più devastante.  La nuova scossa è stata registrata nel sud della Turchia, nella provincia di Kahramanmaras. La scossa è stata avvertita anche a Damasco, in Siria. Lo riporta l’Afad, la protezione civile turca, spiegando che la nuova scossa si è registrata alle 12.24 ora con l’epicentro nel distretto di Elbistan. Un nuovo fortissimo sisma, dunque ha sconvolto la regione, dopo la violentissima scossa di terremoto di magnitudo 7,7 registrata nella notte. Tale scossa ha colpito il sud della Turchia, al confine con la Siria, nella regione dell’Anatolia sud-orientale. Inoltre, è stata avvertita in tutto il Medio Oriente. Sono state colpite in modo grave le province di Gaziantep, Sanliurfa, Diyarbakir, Adana, Adiyaman, Malatya, Osmaniye, Hatay e Kilis.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, dal Vesuvio parte una scossa di terremoto: cosa sta succedendo?

Terremoto Turchia diecimila morti: in Turchia 2800 edifici crollati

Fonte ANSA

Secondo i dati dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv) italiano e del servizio di monitoraggio geologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro a circa 25 km di profondità ed epicentro nella provincia di Gaziantep. Si aggrava di ora in ora il bilancio delle vittime che al momento sarebbero quasi 2.000. Migliaia i feriti. Il presidente turco Erdogan ha affermato durante una riunione di governo: “’È stato il terremoto più forte dal 1939”. Migliaia di persone sono rimaste ferite nei due paesi. Il bilancio è destinato inevitabilmente ad aggravarsi vertiginosamente nelle prossime ore. Molti edifici sono crollati in piena notte. Solo in Turchia sono più di 2.800 gli edifici crollati. Si ipotizza che il numero dei morti possa avvicinarsi alle 10.000 unità. Un dato davvero sconvolgente.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli: un’altra scossa di terremoto a Campi Flegrei, l’epicentro è Pozzuoli

Terremoto Turchia diecimila morti: parla il presidente Erdogan

Dalla pagina Facebook ufficiale di Recep Tayyip Erdoğan

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha inviato su Twitter i suoi “migliori auguri” a tutti i cittadini colpiti dal terremoto. Il preseidente ha scritto: “Speriamo di superare questo disastro insieme, il più presto possibile e con il minor numero di danni”. Erdogan ha spiegato che le squadre di ricerca e soccorso sono state immediatamente inviate nelle aree colpite dal sisma e che altre unità sono in stato di allerta. La comunità internazionale, senza distinzione, è pronta a inviare aiuti e assistenza. Dopo il terremoto delle 2.17 sono state registrate altre 7 scosse di magnitudo superiore a 4.5 nell’area. Fino al violento sisma di questa mattina avvenuto poco più a nord rispetto al terremoto registrato nella notte.

Ti consigliamo come approfondimento-Tonga, terremoto magnitudo 7.9: allerta tsunami fino a 300km dall’epicentro

Terremoto Turchia diecimila morti: i messaggi di cordoglio

unione europea stellantisTantissimi i messaggi di cordoglio arrivati alle famiglie delle vittime del terremoto. Molti leader hanno voluto sottolineare la loro vicinanza. Il Presidente Usa Biden ha detto: “’Sisma devastante, monitoriamo e ci coordiniamo”. Vicinanza anche da parte dell’Unione Europea, come evidenziato dalle parole di Joseph Borrell: “L’Ue è pronta ad aiutare.” Papa Francesco ha dichiarato: “Sono profondamente addolorato per l’ingente perdita di vite”. Il Presidente della Repubblica Italiana Sergio Mattarella ha scritto: “l’Italia vi è vicina. Un pensiero alle famiglie di chi ha perso la vita e ai feriti.” Anche il ministro degli Esteri è intervenuto per affermare la vicinanza ai terremotati. Il ministro Tajani ha anche detto: “Tutti gli italiani contattati, stanno bene. Sono 21 nella zona dove c’è stato il terremoto più forte”.