Testimoni di Geova: quando la fede diventa industria

0
414
bestemmie testimoni di geova

La fede è un sentimento profondo e personale, una “risorsa” immateriale che ciascuno coltiva secondo i dettami del proprio credo. Una recente inchiesta di Fanpage.it mette in luce un aspetto piuttosto materiale della Società Torre di Guardia. Questa istituzione dei Testimoni di Geova promuove la propria opera religiosa in oltre 240 Paesi in tutto il mondo, sostenendosi tramite le offerte volontarie dei fedeli e la vendita di Bibbie.

Ti consigliamo questo approfondimento – L’ex presidente della Camera indagata per riciclaggio

Testimoni di Geova: Società Torre di Guardia 

tstimoni di geovaLa maggior parte dei Testimoni di Geova non conosce il patrimonio della società a cui appartengono. Per i fedeli, infatti, l’avidità e l’attaccamento al denaro mettono l’uomo in una situazione spirituale tale da impedirgli di ereditare il Regno di Dio.

La Watch Tower Bible and Tract Society of Pennsylvania (Società Torre di Guardia) è un ente non lucrativo istituito nel 1884, attraverso il quale i Testimoni di Geova promuovono la loro opera nel mondo. Si tratta di un ente religioso, di istruzione, assistenza e beneficenza che si occupa anche della produzione di Bibbie e di pubblicazioni bibliche.

Tra le attività di questa istituzione, però, ci sono anche investimenti finanziari, benefici da azioni societarie, entrate da un fondo in un paradiso fiscale e profitti dalla vendita di immobili a New York. Si tratta operazioni assolutamente legali, che in tanti – fedeli e non – ignorano. La Società Torre di Guardia, nel 2016, possedeva il 10,58% di un fondo d’investimento della Jp Morgan, la banca più potente del mondo.

Ti consigliamo come approfondimento – Salvini verso il processo: la vicenda Open Arms trova giustizia in Senato?

Il patrimonio dei Testimoni di Geova

testimoni di geovaTramite il modulo 990 dell’Internal Revenue Service agenzia del governo americano per la riscossione dei tributi – si possono recuperare informazioni in merito alle entrate delle società no profit. Secondo tale documento, nel 2015 i profitti dei Watch Tower Bible and Tract Society of Pennsylvania ammontavano a più di 2.703.000 dollari.

Altri 157.000 dollari provengono dal North Haven Offshore Infrastrutture Partners A L.P., un fondo d’investimento in capitale di rischio gestito da Morgan Stanley Infrastructure Inc, un altro colosso finanziario. La notizia è degna di nota per due motivi:

  • Per partecipare al fondo c’è bisogno di una quota minima di 5 milioni di dollari;
  • Il fondo è registrato alle Isole Cayman, noto paradiso fiscale.

Sempre secondo il modulo 990, i Testimoni di Geova curerebbero interessi finanziari anche ad Antigua e Barbuda, Curaçao, Grenada, Hong Kong e Svizzera.

Ti consigliamo come approfondimento – Stonehenge: svelato il mistero dei megaliti

Testimoni di Geova: azioni e vendita di immobili

testimoni di geovaIl patrimonio gestito dalla società vanta anche il cospicuo “supporto” del Trust di Henrietta M Riley. Un trust è un istituto giuridico in cui un soggetto gestisce beni per conto di un secondo soggetto per uno scopo prestabilito e nell’interesse di uno o più beneficiari. Del fondo, 566.096 dollari sono finiti nelle casse della Watch Tower. Nel patrimonio di Henrietta M Riley ci sono azioni di vari colossi come:

  • Amazon;
  • American Express;
  • Lockheed Martin (società specializzata nel settore della difesa);
  • Monsanto;
  • Northrop Grumman (multinazionale produttrice dei bombardieri B-2 Spirit);
  • Raytheon Company (produttore di missili guidati);
  • Visa;
  • Facebook;
  • Yahoo.

Inoltre, tra il 2014 e il 2018, la società ha venduto 30 edifici nella zona di Brooklyn Heights. Tra questi palazzi ci sono lo storico quartier generale della congregazione a New York e la sede tipografica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here