Torre Annunziata, 61enne muore difendendo la figlia. Massacrato col crick

0
372
Torre annunziata ucciso crick
Dal profilo Facebook di Maurizio Cerrato

Torre Annunziata ucciso crick usato come arma. È successo durante la notte. Un 61enne stava difendendo la figlia durante una lite per un parcheggio. L’uomo è stato massacrato a colpi di crick e poi accoltellato. L’omicida è scappato e ancora non è stato identificato. 

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, feste “abusive” nei locali. I Carabinieri multano 60 persone

Torre Annunziata ucciso crick: la lite per un parcheggio 

Torre annunziata ucciso crick
Dal profilo Facebook di Maurizio Cerrato

La vittima si chiamava Maurizio Cerrato, 61enne di Torre Annunziata. Secondo le prime ricostruzioni, l’omicidio sarebbe avvenuto in un garage situato in via IV Novembre. Sul luogo si trovava inizialmente solo la figlia che aveva iniziato una discussione con l’omicida a causa di un parcheggio. La futile lite si è velocemente accesa in toni più pesanti. Le urla della ragazza hanno richiamato il padre che è sceso per aiutarla. Il signor Cerrato si è approcciato all’uomo cercando di sanare la lite. L’omicida avrebbe allora preso un gonfiatore per gomme dalla sua auto, usandolo per colpire l’uomo alla testa ripetutamente e infine accoltellandolo. Inutile l’arrivo dei soccorsi e la corsa all’ospedale San Leonardo di Castellamare. 

Ti consigliamo come approfondimento – Grillo su Ciro e lo stupro: “Si stavano solo divertendo, sono 4 coglioni!”

Torre Annunziata ucciso crick: le indagini 

rapinatori rolex,Torre annunziata ucciso crickI Carabinieri del comune hanno iniziato la ricostruzione dell’accaduto tramite l’acquisizione dei video di sorveglianza. Sul luogo è stato ritrovato il crick insanguinato. Tuttavia il coltello con cui è stata inflitta la coltellata fatale non è sul luogo del delitto. Probabilmente l’omicida lo ha portato con se durante la sua fuga. Le forze dell’ordine sono ora sulle tracce dello sconosciuto. Poche ore fa la figlia si è espressa con un post su Facebook riguardo il tragico accaduto. “Ci tengo a precisare che non è corretto dire che mio padre è morto in una lite, a mio padre è stato fatto un agguato in piena regola, solo per difendere me, che ero la luce dei suoi occhi. Mio padre è stato pugnalato e con questa gente non aveva mai avuto a che fare.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

11 − 6 =