Trentino, il runner 26enne scomparso è morto. Si pensa all’attacco di un orso

0
652
Trentino runner morto orso

Trentino runner morto orso: un giovane runner di 26 anni è stato trovato morto in Trentino a Caldes. Secondo le prime indiscrezioni si pensa che possa essere stato attaccato da un animale selvatico. L’Ente Nazionale Protezione Animali non sarebbe d’accordo e propone altro.

Ti consigliamo come approfondimento-Shock, 33enne viene attaccato e ferito all’addome da un orso: salvato dal suo cane!

Trentino runner morto orso: ipotesi attacco di un animale

Abruzzo orso attacca uomo
Ph presa da repertorio

Andrea Papi, il runner di 26 anni, scomparso, è stato trovato morto in un bosco della val di Sole, in Trentino. Sono in corso accertamenti a Caldes, dove l’uomo è stato rinvenuto. L’ipotesi più avvalorata è che potrebbe essere stato ucciso da un animale selvatico. SI pensa all’orso Mj5 che aveva già aggredito un turista nella valle Rabbi. Sul corpo ha riportato diverse ferite. Il runner era uscito di casa nel pomeriggio per la sua solita sessione di allenamento, ma non ha più fatto ritorno. A mettersi in allarme è stata la compagna di Papi che ha dato l’allerta alle Forze dell’Ordine. Così ieri sera i Carabinieri della compagnia hanno iniziato le ricerche con le unità cinofile e i Vigili del Fuoco. Durante la notta i cani hanno fatto la tragica scoperta. Non si hanno ancora certezze sulle cause del decesso. Si attende il referto del medico legale.

Ti consigliamo come approfondimento-Ragazza violentata sul treno: “Un passeggero ha capito la situazione e mi ha lasciata lì”

Trentino runner morto orso: indagini in corso

cecità coronavirusLa direzione delle indagini è stata assunta dalla Procura di Trento. Sul posto, oltre alla Polizia scientifica, si è recato anche il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti assieme al dirigente della protezione civile Raffaele De Col. Nell’area in cui è morto il ventiseienne, non sono nuove le aggressioni di animali ai danni di persone. Solo un mese fa un orso aveva aggredito un escursionista nei pressi di malga Mandriole, in val di Rabbi. La val di Rabbi è una laterale della val di Sole. La vittima, colpita il 5 marzo, era il trentanovenne Alessandro Cicolini e si trovava in montagna con il cane quando l’orso lo ha improvvisamente attaccato ferendolo al braccio e alla testa. Ma l’escursionista riuscì a salvarsi e a chiedere aiuto. L’animale è stato poi identificato, denominato MJ5, un maschio di 18 anni.

Ti consigliamo come approfondimento-Matteo Renzi annuncia su Twitter che sarà il direttore del quotidiano “Il Riformista”

Trentino runner morto orso: risposta dell’Ente Nazionale Protezione Animali

Dalla Pagina Facebook dell’Ente Nazionale Protezione Animali Odv

L’Ente Nazionale Protezione Animali esprime profondo cordoglio per la scomparsa del runner ventiseienne. In un comunicato si legge: “Seguiamo con estrema preoccupazione gli sviluppi di questa tragica vicenda. Restiamo in attesa dell’esito delle indagini e del referto del medico legale. Al momento non c’è nessun elemento che permetta di stabilire con assoluta certezza le cause del decesso del giovane.
Nonostante ciò, alcuni esponenti politici locali non hanno perso tempo per strumentalizzare il fatto ed alimentare un clima di intolleranza, paura, odio nei confronti degli orsi. Orsi che già da ora, e senza alcun riscontro fattuale, vengono accusati di essere responsabili della morte del giovane. È bene ribadire che allo stato attuale ogni ipotesi sulle cause del decesso può risultare non solo infondata ma anche fuorviante.”

Il comunicato si conclude: “È possibile, ad esempio, che i presunti segni trovati sul corpo del runner e ricondotti ad un animale selvatico, siano successivi al decesso, le cui cause potrebbero anche essere dovute ad un malore. In attesa che le indagini facciano il loro corso, chiediamo a tutti la massima responsabilità, evitando speculazioni e strumentalizzazioni finalizzate soltanto ad accrescere i consensi in vista della prossima campagna elettorale» ha concluso l’associazione.”