Tso per chi rifiuta le cure? La polemica dopo lo scoppio di nuovi focolai Covid

0
376
tso coronavirus oms

La comparsa di nuovi focolai di Covid-19 ha messo in allarme istituzioni e cittadini. Il recente aumento di contagi in alcune regioni ha suscitato non poche polemiche. Successivamente, ha fatto molto discutere la proposta di alcune amministrazioni locali di sottoporre a Tso coloro che, pur risultando positivi al Covid-19, rifiutano le cure.

Ti consigliamo come approfondimento – Coronavirus, arriva la proposta shock: altri 60 giorni di quarantena

Tso agli “irresponsabili”?

coronavirusIl caso dell’imprenditore vicentino che, di ritorno dalla Serbia, pur risultando positivo al Coronavirus ha ignorato ogni cautela ha indignato molte persone. L’uomo, reticente alle cure, ha contagiato altri soggetti con cui è venuto a contatto al suo ritorno in Italia. Un comportamento molto pericoloso per la salute collettiva, soprattutto alla luce di quanto accaduto negli ultimi mesi.

Dure le parole del Governatore Luca Zaia, che ha suggerito di applicare il Tso per i soggetti che rifiutano le cure pur essendo positivi al Covid-19. Di cosa si tratta? Il Trattamento sanitario obbligatorio consiste in una serie di procedure sanitarie attivate nei confronti di un soggetto che rifiuta le cure, in caso di motivata necessità ed urgenza. La ratio è quella di assicurare la salute e la sicurezza sia del paziente che della collettività.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino anti Coronavirus: firmato l’accordo per 400 milioni di dosi

Scoraggiare comportamenti pericolosi

Solidarietà emergenza coronavirus covid-19Il Tso è disposto con provvedimento del sindaco, dietro proposta motivata di due medici (di cui almeno uno appartenente alla Asl di competenza territoriale). Devono sussistere contemporaneamente le seguenti condizioni:

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × cinque =