Turista occupa Palazzo Reale: “Sono erede dei Savoia, qui è casa mia!”

0
352
Turista australiano erede Savoia

Turista australiano erede Savoia occupa il Palazzo Reale di Milano. Il turista di 37 anni sosteneva di essere l’erede legittimo della famiglia Savoia e si è presentato al Palazzo con le valigie. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco e la Polizia per allontanarlo.

Ti consigliamo come approfondimento-Automobilista arreda albero di Natale in autostrada per ingannare il traffico

Turista australiano erede Savoia occupa Palazzo Reale

Dalla Pagina Facebook ufficiale del Palazzo Reale di Milano

Un episodio preoccupante ma allo stesso tempo molto divertente è avvenuto al Palazzo Reale di Milano. Infatti, un cittadino australiano di 37 anni si è presentato all’ingresso con alcune valigie. L’uomo sosteneva di essere l’erede legittimo della famiglia Savoia e quindi di dover entrare a casa sua. Al suo arrivo ha presentato all’ingresso dei documenti che sosteneva di aver inviato alle autorità italiane. Alla richiesta del personale del Palazzo di andare via, l’uomo si è rifiutato e ha intralciato il normale flusso delle visite. Il primo intervento è stato effettuato dai Vigili del Fuoco, che facevano servizio antincendio, presenti sul posto. In seguito, è stata contattata la Questura e sono giunti sul posto una decina di agenti della Polizia di Stato. L’uomo è stato identificato e scortato all’esterno.

 

Ti consigliamo come approfondimento-LOL2: annunciato il nuovo cast. Ecco tutte le novità

Turista australiano erede Savoia: documenti misteriosi

La vicenda assurda e molto divertente allo stesso tempo ha fatto preoccupare chi si è occupato del caso. L’episodio ricorda una scena di un film di Totò, il quale decise di vendere ad un turista la Fontana di Trevi. Bisogna ricordare che Palazzo Reale è di proprietà del Comune di Milano. In questi giorni l’edificio ospita una mostra sul Realismo Magico. Inoltre, al momento della “occupazione” era in allestimento una mostra del pittore Joaquin Sorolla. Restano ancora dei dubbi su quei documenti presentati dal cittadino australiano. Le diverse testimonianze degli addetti ai lavori raccontano di alcuni documenti che sembravano veritieri, ma non lo erano davvero.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × quattro =