Turista inglese imbratta il Colosseo: “Scusate. Non sapevo quanto fosse antico”

0
745
Turista imbratta Colosseo scuse

Turista imbratta Colosseo scuse: il turista che ha imbrattato il muro del Colosseo è stato identificato e ha chiesto scusa. Il turista inglese rischia il carcere da due a cinque anni e una maximulta fino a 20mila euro per danneggiamento.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, 12enne punta il coltello alla gola degli amici ripetendo frasi di “Mare Fuori” e “Gomorra”

Turista imbratta Colosseo scuse: identificato

Un giovane turista inglese ha deciso di imbrattare il muro del Colosseo. Il video della sua bravata ha fatto il giro del web. Grazie all’esito positivo delle indagini il turista ha ora un nome e un cognome. Nel video si vede lui che si alza in punta di piedi, si appoggia alla parete con la mano sinistra per avere una maggiore stabilità e con la destra comincia a incidere dei nomi sul muro con una chiave. Lui ha scritto: “Ivan+Hayley 23”. Sembrerebbe il racconto di un’ordinaria dichiarazione d’amore in età adolescenziale, se non fosse che il “muro” in questione altro non è che il Colosseo, risalente appena al 70-80 d.C. Un’indelebile dedica che costerà cara al turista inglese, rintracciato pochi giorni fa in Bulgaria dove la coppia si era recata per una visita alla famiglia di lui: il romantico vandalo, infatti, rischia molto.

Ti consigliamo come approfondimento-Marcello Colasurdo morto: addio al re della “Tammuriata” pomiglianese

Turista imbratta Colosseo scuse: la lettera

Infatti, il giovane rischia il carcere da due a cinque anni e una maximulta fino a 20mila euro per danneggiamento. Probabilmente spaventato dalle conseguenze legali del suo gesto evidentemente non troppo ragionato, il giovane si è messo nuovamente a scrivere. Questa volta, ha scritto una lettera, come riporta il Messaggero, inviata alla Procura di Roma, al sindaco e al Comune della Capitale.

Nella lettera del turista che ha sfregiato il Colosseo si legge: “Sono consapevole della gravità del gesto commesso. Desidero con queste righe rivolgere le mie più sentite e oneste scuse agli italiani. Chiedo scusa a tutto il mondo per il danno arrecato a un bene che, di fatto, è patrimonio dell’intera umanità”. All’interno della lettera il ragazzo ammette le proprie responsabilità e chiede perdono per l’azione sconsiderata. Scuse che vengono rivolte in particolare al sindaco Roberto Gualtieri e al Campidoglio. A loro viene riconosciuto il merito di custodire “con dedizione, cura e sacrificio l’inestimabile valore storico e artistico del Colosseo”.

Ti consigliamo come approfondimento-Ladro sorpreso in casa, lo picchiano e lo usano come poggiapiedi filmandolo: arrestati

Turista imbratta Colosseo scuse: la parte finale

E fin qui, una lettera di scuse “da manuale”. Ma la situazione cambia quando il giovane, probabilmente per cercare un’ultima e definitiva giustificazione, si perde proprio sul finale. Infatti, ha provocato ancora una volta l’ironia degli utenti social, dopo l’indignazione degli scorsi giorni. Il giovane ha detto: “Ammetto con profondissimo imbarazzo che solo in seguito a quanto incresciosamente accaduto ho appreso dell’antichità del monumento”.