Orrore a Pavia: uccide amico dopo una lite e trascina cadavere in strada

0
216
Lignano maxi rissa, Napoli camorra omicidio,

Uccide amico trascina cadavere in strada. Momenti horror a Pavia. Un uomo uccide un amico dopo una litigata e poi trascina il cadavere in strada. I Carabinieri sono intervenuti dopo aver ricevuto delle segnalazioni da alcuni testimoni. L’assassino avrebbe confessato il crimine.

Ti consigliamo come approfondimento – Baby killer confessa omicidio irrisolto: “l’ho ucciso io quando avevo 7 anni”

Uccide amico trascina cadavere in strada: attimi di terrore a Pavia

Uccide amico trascina cadavereUccide amico trascina cadavere in strada dopo una lite. Sembrerebbe la trama di un film horror o di uno splatter ma invece è solo la realtà cruda di un evento che si è verificato presumibilmente nella tarda notte tra domenica 5 maggio e lunedì 6 maggio 2024. Il cadavere di un uomo di 36 anni è stato trovato all’alba in una zona periferica di Pavia. Sarebbe stato ucciso dentro un appartamento a causa di una lite con un suo amico. L’assassino sarebbe stato visto dai passanti mentre trascinava il corpo esamine in strada lasciandolo sul marciapiedi. I Carabinieri sono accorsi subito dopo aver ricevuto le segnalazioni dei testimoni. Sono in corso le indagini per comprendere bene il movente dell’omicidio ma intanto l’assassino sarebbe stato fermato dalle Forze dell’Ordine.

Ti consigliamo come approfondimento – Omicidio Cerciello Rega: il procuratore chiede 23 anni di carcere per i due assassini

L’intervento dei Carabinieri: l’assassino avrebbe confessato l’atroce delitto

rapinatori rolex professore picchiato villaricca, Uccide amico trascina cadavereDopo che i Carabinieri hanno rinvenuto il cadavere del 36enne sul marciapiedi in una zona periferica di Pavia avrebbero individuato e fermato l’assassino. Il colpevole avrebbe già confessato il suo reato alle Forze dell’Ordine. Il cadavere della vittima è stato trasportato all’Istituto di Medicina Legale dell’Università di Pavia dove a breve sarà effettuata l’identificazione del corpo e tutte le analisi del caso. Non sono ancora chiare le dinamiche che hanno fatto scaturire il litigio che poi ha portato alla morte del 36enne. Le indagini sono in corso anche se il colpevole avrebbe già confessato.