Shock, il compagno uccide il figlio di 11 mesi, lei in sua difesa: “Non ha fatto nulla!”

0
262
Uomo uccide bimbo 11mesi

Uomo uccide bimbo 11mesi, ma la madre del bambino continua a difenderlo: “Lui non ha fatto nulla, non so cosa sia accaduto al piccolo”. La sconvolgente dichiarazione, ripresa poi da diversi quotidiani, è stata pronunciata da Lucci Smith. Queste parole, la Smith, le ha pronunciate durante l’interrogatorio svolto dagli inquirenti. La difesa della donna in favore dell’uomo sarebbe stata ripresa dalle telecamere della stazione della polizia del Cambridgeshire.

Ti consigliamo come approfondimento – Bambino travolto e calpestato da Royal Guard: stava intralciando la marcia

Uomo uccide bimbo 11mesi: video shock

Uomo uccide bimbo 11mesiIl filmato, di cui si è accennato sopra, è stato diffuso solo recentemente dai media britannici. Nel video in questione si vede la donna, la madre del piccolo Teddie, intenta a mentire agli investigatori. La donna, infatti, oltre al frammento di registrazione soprariportato avrebbe aggiunto: “Se ci fosse stato qualcosa lo direi perché è mio figlio e significa per me più di chiunque altro”.

Le parole della donna non hanno mai convinto gli investigatori. Di fatto, nel processo è stato appurato che Lucci Smith fosse a lavoro quando Kane Mitchell ha picchiato duramente il suo bambino. Tuttavia, la donna una volta finito il turno lavorativo e sapendo cosa fosse successo non ha chiamato il numero di emergenza. La Smith ha allertato i soccorsi solo 30 minuti dopo il suo ritorno a casa. Il piccolo Teddie di 11 mesi è morto dopo 10 giorni in ospedale. Su di lui gli inquirenti hanno trovato numerose e spaventose lesioni.

Ti consigliamo come approfondimento – Lockdown per i non vaccinati e Super Green Pass esteso: ecco cosa cambia dal 10 gennaio

Le terribili lesioni

nuove generazioni, Uomo uccide bimbo 11mesiIl rapporto della polizia non lesina dettagli.
Da come si apprende, il piccolo Teddie ha riportato costole rotte, fratture al cranio e alla clavicola. Inoltre, sono stati riscontrati danni al cervello, alla colonna vertebrale e agli occhi. L’accusa e i giudici nel processo hanno stabilito che tali lesioni fossero dovute alle continue percosse inferte dal Mitchell. Quest’ultimo non era il padre biologico del piccolo.
Per David Mitchell il tribunale ha stabilito il carcere a vita come condanna, con un minimo di reclusione di 18 anni. Alla madre, invece, sono stati inflitti due anni.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

14 + quattro =