La storia di Antonio: vende tutto ciò che ha per costruire un rifugio per cani randagi

0
1194
Uomo vende tutto per rifugio cani

Uomo vende tutto per rifugio cani – La storia di Antonio Anastacio è la storia di un uomo che all’età di 58 anni ha deciso di mollare tutto e di seguire il proprio cuore. Da sempre amante degli animali e, in particolare, dei cani, il signor Anastacio ha deciso di vendere tutti i propri possedimenti per creare un rifugio idoneo ad ospitare 800 cani randagi. L’uomo vive con loro all’interno di questo rifugio.

Ti consigliamo come approfondimento – Sparano un petardo per festeggiare, cane terrorizzato si getta dal settimo piano e muore

Uomo vende tutto per rifugio cani: la storia di Antonio Anastacio

Uomo vende tutto per rifugio caniQuesta particolare storia di umanità è avvenuta a Marechal Deodoro, nello stato dell’Alagoas (Brasile). Qui Antonio Anastacio, un uomo brasiliano di 58 anni, ha deciso di vendere tutte le sue proprietà per creare un rifugio per cani randagi. La coraggiosa decisione del signor Anastacio arriva dopo la morte del suo pitbull. Decide così di diventare un’attivista per i diritti degli animali.

Ti consigliamo come approfondimento – Violenza brutale, uomo massacrato a bastonate perché ha difenso l’amica da uno stalker!

Uomo vende tutto per rifugio cani: l’acquisto della fattoria

cane petardo muore, torre del greco bambina azzannata, cane bloccato tubo, pitbull salvato, morso caneLa svolta, come si è detto, è avvenuta dopo la morte del suo fidato pitbull.
Antonio Anastacio ha venduto tutti i suoi beni immobiliari per acquistare una fattoria, adibendola a rifugio. Con i proventi delle vendite e anche grazie all’aiuto di alcuni amici, Anastacio si è occupa completamente di loro: gli prepara il cibo, li lava e, laddove è possibile, cerca di curarli.

Ti consigliamo come approfondimento – Violenza choc, non vogliono più il cane e lo seppelliscono vivo: morto in agonia

Uomo vende tutto per rifugio cani: l’avvento della pandemia

bonus felicità Cuccioli cane gettatiL’arrivo della pandemia da Covid-19 ha creato non pochi problemi ad Antonio Anastacio. Infatti, il 58enne ha perso gran parte delle proprie ricchezze, provenienti dalle proprietà in affitto. L’uomo ha così venduto le ultime cose che gli restavano per far fronte alle spese per i suoi animali. Ora Anastacio si trova a dormire nella stessa stanza con loro sull’unico tavolo rimasto. Al 58enne, però, questo particolare non pesa affatto: “Se dormo lontano, non riesco a sentire se succede loro qualcosa. Sul tavolo sento tutti”.

Un volontario della zona che è venuto a conoscenza della sua storia si è sin da subito mobilitato organizzando una raccolta fondi. Quest’ultima ha avuto un forte riscontro, tant’è vero che sono giunte una serie cospicua di donazioni. Questi fondi sono stati sufficienti a far mettere la zona in sicurezza, creare recinzioni e migliorando generalmente le condizioni dei suoi cani.