Vaccino antinfluenzale, un alleato contro il Covid? Ecco cosa c’è da sapere

0
258
Vaccino

La campagna per il vaccino antinfluenzale partirà in Italia agli inizi di ottobre 2020. Secondo il Ministero della Salute, è consigliato a chiunque abbia più di 6 mesi. Particolare attenzione inoltre va data agli anziani, ai malati cronici, ai pubblici ufficiali e al personale sanitario.

Il vaccino della stagione autunnale e invernale non combatte direttamente il Coronavirus, ma diventa un utile alleato per arginare le conseguenze della pandemia. Un altro studio in corso, invece, evidenzia che alcuni soggetti vaccinati hanno ridotto la percentuale del rischio d’infezione da Covid-19.

Ti consigliamo come approfondimento – Ascierto primo oncologo al mondo: intervista all’eccellenza del Pascale di Napoli

Campagna antinfluenzale 2020/2021: ecco a chi sarà somministrato il vaccino

vaccino antinfluenzaleQuest’anno, la campagna antinfluenzale partirà nei primi giorni di ottobre. Sebbene sia altamente raccomandato vaccinarsi da subito, l’OMS e l’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) invitano a farlo anche in qualsiasi altro momento della stagione.

Le dosi di vaccino che arriveranno nel nostro paese sono circa 20 milioni e sono consigliate a chiunque abbia superato i 6 mesi d’età, senza alcuna allergia agli eccipienti. Come ogni anno, il vaccino è maggiormente consigliato a categorie delicate, come gli anziani, i malati cronici e i funzionari sanitari e pubblici.

A fare le somministrazioni, come sempre, i medici di base e i pediatri.

Ti consigliamo come approfondimento – Infarto, tra le cause anche un batterio

Vaccino antinfluenzale: ecco per chi è gratis

VaccinoIl vaccino viene somministrato gratuitamente ai pazienti che, in caso di influenza, rischiano complicanze. Tra questi:

  • Gli over 60;
  • Malati immunodepressi;
  • Malati cronici;
  • Bambini dai 6 mesi ai 6 anni;
  • Familiari di soggetti a rischio complicanze.

Vi sono anche altre categorie che hanno diritto al vaccino gratuito, e sono:

  • Personale sanitario;
  • Donatori di sangue;
  • Polizia;
  • Vigili del fuoco;
  • Lavoratori socialmente utili;
  • Lavoratori a contatto con gli animali.

Tutti i soggetti che non fanno parte di queste categorie, potranno acquistare il vaccino in farmacia. Il costo è variabile in base alla casa produttrice; il costo dovrebbe, tuttavia, partire da 14 euro.

Il vaccino è un alleato contro il Covid-19?

VaccinoSebbene siano in corso i test per i vaccini in grado di contrastare il Covid, il vaccino antinfluenzale può diventare un alleato particolare, scongiurando lo scoppio di una pandemia.

Come ogni anno, in autunno, inverno, e primavera, gli italiani sono soggetti ai più disparati virus influenzali. Abbiamo constatato che i sintomi del Covid-19 sono molto simili a quelli dell’influenza e per questo motivo diventerebbe impossibile dividere le due malattie in base alla sintomatologia.

Se la maggior parte della popolazione italiana fosse vaccinata, si ridurrebbe il rischio di contrarre la comune influenza. Di conseguenza, diminuirebbero le richieste di tamponi e diventerebbe più facile individuare i soggetti positivi al Covid.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid-19: le 13 cose che il virus ha cambiato per sempre

Vaccino influenzale contro il Covid-19: ecco lo studio in corso

VaccinoGiuseppe Remuzzi, direttore scientifico dell’Istituto Mario Negri, ha parlato a Il sole 24 ore riguardo ad alcune ipotesi sull’efficacia del vaccino antinfluenzale contro il Covid-19.

Lo studio è in corso alla Mayo Clinic, negli USA e al Policlinico di Milano. È stato riscontrato che:

  • Con la vaccinazione anti-polio, il rischio d’infezione da Covid si sarebbe ridotto del 43%:
  • Con il vaccino contro l’Haemophilus influenzae, il rischio si sarebbe ridotto del 47%.

Il problema è ancora controverso”, ha affermato Giuseppe Remuzzi, “ma i dati fino ad ora disponibili sembrano indirizzare in questo senso”.

Nonostante questi dati siano incoraggianti, è necessario che vadano confermati e studiati ancora più a fondo prima di essere divulgati come certezza.

In attesa che il vaccino contro il Covid-19 venga immesso ufficialmente sul mercato, è bene continuare a rispettare le regole divulgate dalle istituzioni. Le uniche armi in nostro possesso utili a limitare il contagio sono il buon senso e il rispetto delle norme igienico-sanitarie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here