Vaccino anti Coronavirus: firmato l’accordo per 400 milioni di dosi

0
808
idrossiclorochina, coronavirus Covid-19

Fin dall’inizio della pandemia e anche adesso, nel post-quarantena, tra mille dubbi e indecisioni, si è avuta una sola certezza. L’unica soluzione per combattere definitivamente il Covid-19 è il vaccino. Pare che il suo arrivo sia più imminente del previsto. Infatti, è stato firmato l’accordo per l’approvvigionamento di 400 milioni di dosi da distribuire alla popolazione europea. Il contratto è stato sottoscritto dalla Europe’s Inclusive Vaccines Alliance (composta da Germania, Francia, Olanda e Italia) con l’azienda farmaceutica AstraZeneca. Lo ha annunciato il Ministro della Salute Roberto Speranza, nelle sale di Villa Pamphilj a Roma, sede della Presidenza del Consiglio durante la convocazione degli Stati Generali.

Ti consigliamo come approfondimento – Mare e Covid-19, tutte le regole per un’estate sicura

Vaccino: l’Italia in prima linea

VaccinoL’Italia si è distinta fin da subito nella lotta al Coronavirus. Ha adottato metodi di analisi e ricerca molto validi e terapie decisamente efficaci. È inoltre tra i primi Paesi firmatari del contratto per l’approvvigionamento del vaccino. Ma giocherà un ruolo importante anche nella sua fase di sviluppo e produzione.

Il vaccino di AstraZeneca nasce nei laboratori dell’Università di Oxford. La sperimentazione sull’uomo è partita ad aprile e prosegue tuttora. Alla sua realizzazione sta partecipando anche la società italiana IRBM Science Park SpA di Pomezia, tramite la sua divisione Advent per i vaccini innovativi.

Vaccino: in arrivo le prime dosi

VaccinoPer l’Europa sono previste 400 milioni di dosi. I primi 60 milioni di dosi saranno disponibili entro l’autunno. Pare che, almeno in Italia, i primi a vaccinarsi saranno:

  • Personale sanitario;
  • Categorie a rischio per età o patologie;
  • Militari e forze dell’ordine.

È stato dichiarato che il vaccino avrà un costo irrisorio e sarà quindi accessibile a tutti. AstraZeneca ha infatti annunciato che costerà “pochi euro”. L’azienda ha inoltre preso l’impegno di produrre 2 miliardi di dosi su scala globale. L’obiettivo è infatti garantire “un accesso ampio, equo e senza alcun profitto durante la fase della pandemia”. A tal proposito, infatti, la casa farmaceutica continua a costruire diverse catene di approvvigionamento a livello globale. Per aumentare ulteriormente la capacità produttiva, si è aperta alla collaborazione con altre aziende.

Ti consigliamo come approfondimento – Campania, vaccinazioni obbligatorie entro ottobre: ecco il piano di De Luca

Vaccino: funzionerà?

VaccinoLorenzo Wittum, presidente di AstraZeneca Italia, ha dato delucidazioni in merito all’efficacia del vaccino. Ha dichiarato che la sperimentazione clinica è ancora in corso. Per cui, finché non ci saranno i risultati sull’uomo (previsti per settembre), non si potrà sapere se il vaccino in questione è efficace davvero.

Nella ricerca farmaceutica funziona così”, sottolinea Wittum. Aggiunge che si è da poco conclusa la fase I, ovvero la prima fase di sperimentazione sull’uomo. “Un comitato indipendente di monitoraggio ha analizzato questo risultato e ha raccomandato all’autorità regolatoria inglese di iniziare la sperimentazione su larga scala. Ovviamente fino alla fine di questa non potremo sapere se il vaccino funziona, però siamo fiduciosi” conclude il presidente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

10 − 8 =