Vaccino Covid 2021, basta perplessità: ecco tutti i chiarimenti a riguardo

0
545
Vaccino Covid 2021

Il vaccino Covid 2021 è disponibile in Italia e in altri paesi europei dallo scorso 27 dicembre. Sarà somministrato inizialmente soprattutto al personale sanitario. La produzione e l’erogazione delle dosi aumenteranno nelle prossime settimane. Tuttavia, sono ancora tanti gli scettici che rifiutano l’idea di un vaccino creato in così poco tempo. Ecco perché è importante chiarire tutti i dubbi e rendere i cittadini informati e consapevoli.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Israele: coperto già il 10% della popolazione

Vaccino Covid 2021, perché tanta incertezza?

Vaccino Covid 2021Il vaccino Covid 2021 è l’arma più potente che sia stata messa a disposizione per fermare i contagi. Nonostante sia di vitale importanza, sul suo impiego c’è ancora tanto scetticismo. Per questo, è bene che i cittadini si informino su tutto ciò che concerne la profilassi.

Il vaccino Pfizer-BioNTech, che attualmente gira in Italia, non è (almeno per il momento) obbligatorio. Rispetto agli altri vaccini, è stato realizzato in 10 mesi, e forse è proprio questo che desta sospetti. La verità è che il personale scientifico che lo ha realizzato era già preparato per l’evenienza. Molti studi, infatti, erano stati condotti ai tempi della SARS qualche anno fa. A parte questo, la realizzazione rapida è stata permessa sia grazie all’impiego di nuove tecniche, sia con l’avviamento di test clinici preliminari nello stesso momento. Inoltre, diversamente dal solito, i controlli sono stati molto più veloci, riducendo i passaggi burocratici per potenziare quelli scientifici.

Vaccino Covid 2021, cosa contiene e come viene conservato

Vaccino Covid 2021Il vaccino Covid 2021 di Pfizer-BioNTech, proprio come quello di Moderna, si basa sull’RNA messaggero (mRNA). È una molecola che contiene tutte le istruzioni per produrre delle proteine capaci di neutralizzare il Coronavirus. È avvolta da bolle lipidiche che le permettono di arrivare intatta alla cellula. Una volta riconosciuta la proteina, la cellula che ha acquisito le informazioni necessarie distrugge tutto il resto, compreso l’mRNA. Per questo, è impossibile che il DNA venga modificato. Il vaccino, per poter essere distribuito, ha bisogno di una conservazione a -70 °C. Potrà essere utilizzato solo dopo essere stato scongelato, e in un range massimo di 6 ore. La temperatura così bassa serve per conservare l’mRNA.

Ti consigliamo come approfondimento – Campania vaccino spray: AstraZeneca arriva con 66 mila dosi per bambini e adolescenti

Vaccino Covid 2021, tutto su effetti collaterali e allergie

Vaccino Covid 2021Spesso si sente parlare degli effetti collaterali e delle allergie portate dal vaccino Covid 2021 di Pfizer-BioNTech. Durante i test clinici condotti, gli effetti riscontrati sono stati di entità davvero molto lieve. In generale, si tratta di dolore nel punto dell’iniezione, spossatezza, mal di testa e brividi. In certi casi, davvero molto rari, sono state riscontrate delle reazioni allergiche. Non sono una novità, in quanto si manifestano anche con i vaccini di uso comune. Potrebbero presentarsi laddove i pazienti abbiano delle allergie pregresse verso alcuni alimenti o verso alcuni principi attivi. Coloro che sanno di averne, possono tranquillamente avvisare i medici, i quali porranno maggiore attenzione nei tempi successivi all’iniezione.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Covid, impossibile l’obbligo: rischio Tribunale Internazionale

Vaccino Covid 2021: quanto dura l’effetto e come si modifica la trasmissione del virus?

Vaccino Covid 2021Nonostante l’altissimo tasso di efficacia del vaccino Covid, non è ancora chiaro se abbia un effetto limitato nel tempo o se possa durare. Per poter avere una notizia certa a riguardo, è necessario avere più dati a disposizione. Ovviamente, la mancanza di una risposta adeguata sulla durata dell’efficacia non deve indurre la popolazione ad evitare la vaccinazione. Anzi, proprio perché i risultati degli studi sulla profilassi sono ottimi, è necessario sottoporsi al medicinale per rallentare la pandemia.

Lo stesso discorso è applicabile sulla trasmissione del virus. È chiaro che chi si vaccina non contrae il Covid, ma potrebbe esserne portatore. Servono ulteriori conferme, che potranno arrivare solo dopo che una larga fetta di popolazione mondiale sarà vaccinata. Nel frattempo, è sempre bene portare la mascherina, lavarsi le mani e distanziarsi per proteggere sé stessi e chi ci sta intorno.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 − 5 =