Vaccino Covid, Figliuolo: ipotesi di una terza dose di richiamo

0
123
Vaccino Covid Figliuolo

Vaccino Covid Figliuolo: la terza dose del vaccino potrebbe essere necessaria. È l’ipotesi avanzata dal generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario all’emergenza Coronavirus. Durante un intervento in V Commissione della Camera dei Deputati, ha spiegato che ad oggi sono state consegnate 28,3 milioni di dosi. Il commissario si dice molto fiero della macchina organizzativa della struttura commissariale. E anticipa che nei prossimi mesi bisognerà giungere “a un binario di ordinaria gestione dell’attività vaccinale futura. Stando agli attuali scenari, si potrebbe prevedere la necessità di almeno un’ulteriore dose di richiamo”.

Ti consigliamo come approfondimento – Record vaccinazioni: quasi 600.000 somministrazioni in un giorno

Vaccino Covid Figliuolo: numeri e dosi

Vaccino Covid FigliuoloSecondo quando riportato da Adn Kronos, al termine del primo trimestre del 2021, l’Italia ha ricevuto 14,18 milioni di dosi. Figliuolo informa che Pfizer e Moderna hanno fornito quantitativi sostanzialmente in linea con la programmazione (8,75 milioni per Pfizer e 1,33 milioni per Moderna). Invece Vaxzevria (AstraZeneca), è risultata deficitaria di 1,24 milioni di dosi (4,11 milioni anziché 5,35 milioni). Nel secondo trimestre, ha aggiunto, sulla base degli accordi preliminari di acquisto, sono previste 54,7 milioni di dosi complessive. Oltre alle tre aziende fornitrici già citate si aggiunge Johnson&Johnson, le cui somministrazioni sono iniziate dopo la metà di aprile.

Ti consigliamo questo approfondimento – Ragazza ricoverata d’urgenza dopo vaccino AstraZeneca: grave trombosi

Vaccino Covid Figliuolo: l’importanza della pianificazione

Vaccino Covid FigliuoloIl generale Figliuolo sottolinea l’importanza della pianificazione che definisce “alla base della sostenibilità della campagna vaccinale”. Infatti, aggiunge che solo attraverso l’equilibrio tra l’incremento delle potenzialità di somministrazione e la disponibilità di dosi si potranno raggiungere gli obiettivi prefissati in termini di inoculazioni giornaliere. Per tale ragione, ha affermato che “la continua attività di pianificazione svolta dalla Struttura Commissariale è resa nota alle Regioni attraverso la comunicazione dei valori target da conseguire ogni settimana”. Il commissario Figliuolo chiede alle Regioni di intercettare “le persone vulnerabili e quelle poco avvezze all’uso dei sistemi informatici” per la vaccinazione, “verificando contestualmente il fenomeno delle mancate adesioni”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × tre =