Vaccino Covid, l’Italia parte con 2 milioni di dosi: tutti i dettagli per Regione

0
662
vaccino covid

L’Italia si appresta a distribuire il vaccino Covid e sono già previste quasi 2 milioni di dosi per la prima tranche di somministrazione. A comunicarlo è il Commissario straordinario all’emergenza, Domenico Arcuri, dopo l’incontro con le Regioni. Tra l’altro a breve si terrà la Conferenza Stato-Regioni che darà il via libera definitivo al Piano Vaccini. Di seguito tutti i dettagli Regione per Regione.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Coronavirus: due italiani si sono già vaccinati a Londra

Vaccino Covid: la mappa dei destinatari

Moderna vaccino covid napoliNello specifico, il primo vaccino Covid verrà distribuito in Italia dall’azienda Pfizer, per un totale di 1.833.975 dosi. Arcuri invierà alle regioni una specie di “libretto delle istruzioni” per il vaccino ed entro la settimana verranno rilasciate tutte le indicazioni per la procedura di somministrazione. Intanto, sono già stati resi noti i dati sulla distribuzione nazionale del vaccino.

Ecco di seguito la lista e la quantità di dosi che dovrebbe ricevere ogni Regione per questo primo invio:

  • Abruzzo – 25.480 dosi;
  • Basilicata – 19.455 dosi;
  • Calabria – 53.131 dosi;
  • Campania – 135.890 dosi;
  • Emilia Romagna – 183.138 dosi;
  • Friuli Venezia Giulia – 50.094 dosi;
  • Lazio – 179.818 dosi;
  • Liguria – 60.142 dosi;
  • Lombardia – 304.955 dosi;
  • Marche – 37.872 dosi;
  • Molise – 9.294 dosi;
  • Provincia Autonoma di Bolzano – 27.521 dosi;
  • Provincia Autonoma di Trento – 18.659 dosi;
  • Piemonte – 170.995 dosi;
  • Puglia – 94.526 dosi;
  • Sardegna – 33.801 dosi;
  • Sicilia – 129.047 dosi;
  • Toscana – 116.240 dosi;
  • Umbria – 16.308 dosi;
  • Valle d’Aosta – 3.334 dosi;
  • Veneto – 164.278 dosi.

Per la prossima fornitura di distribuzione – rilasciata sempre da Pfizer – è previsto un aumento di mezzo milione di dosi per un totale di 2.507.700. In questo modo sarà possibile somministrare alle categorie considerate “prioritarie” la seconda dose di vaccino, e verrà avviata la vaccinazione per i soggetti più fragili.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Coronavirus Campania: il Policlinico Vanvitelli lo offre ai lavoratori in sede

Ulteriori consensi e date

vaccino covid campaniaIl Commissario Arcuri, dopo l’incontro con le Regioni, ha inoltre precisato con una nota ulteriori dettagli sul vaccino Covid e sulle prime date in cui sarà – quasi sicuramente – somministrato: “Qualora, come si auspica, l’EMA approverà, nella seduta del 21 dicembre, l’immissione sul mercato del vaccino e dopo la successiva, pressoché immediata, validazione dell’AIFA, ci sarà, già prima della fine dell’anno, il “Vaccine Day” europeo, in cui i primi cittadini verranno vaccinati nello stesso giorno, così come concordato tra i Ministri della Salute di Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Olanda, Spagna e Svizzera”.

Dunque, nei giorni successivi – si deduce già prima di gennaio 2021 – la prima sessione di vaccinazione di massa potrà cominciare nell’effettivo. Si sottolinea che la prima somministrazione verrà rilasciata a tutte le categorie considerate “prioritarie” dal Governo e dal Parlamento, ovvero: operatori sanitari e sociosanitari; personale impiegato nei presidi ospedalieri, sia pubblici che privati; ospiti e personale delle residenze per anziani.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Coronavirus: secondo il virologo Rasi saremo coperti per sei mesi

Vaccino Covid: l’Italia è pronta

Campania zona arancione vaccino covid
Dalla pagina Facebook del ministro Speranza

Anche il ministro della Salute, Roberto Speranza, si è esposto sulla questione dell’imminente vaccino Covid in Italia: “Rispetto alle valutazioni che avevamo fatto, saremo pronti a partire con alcuni giorni di anticipo con la somministrazione delle prime dosi di vaccino”. Tra l’altro, il ministro sottolinea l’importanza di “Essere pronti con i piani regionali“.

La campagna vaccinale sarà una sfida che vinceremo tutti insieme“, conferma inoltre il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia. E conclude: “Oggi diamo il via libera al piano di distribuzione e domani portiamo il documento condiviso in Conferenza Stato-Regioni in modo da renderlo subito operativo anche dal punto di vista formale. Le Regioni hanno fatto insieme al commissario Arcuri un lavoro puntuale e molto rigoroso“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

20 + quindici =