Vaccino Covid: due italiani si sono già vaccinati a Londra

0
431
Vaccino Covid
Dai profili Facebook di Paolo Ciardelli e Città della Scienza

Vaccino Covid: la campagna di vaccinazione in Italia non è ancora cominciata. Tuttavia due giovani italiani residenti a Londra già si sono vaccinati. Si tratta di Elena Baraldi e Paolo Ciardelli. Due giovani under 30 che, lavorando nei reparti Covid degli ospedali britannici, sono stati tra i primi ad usufruirne. 

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Covid, Margaret Keenan prima al mondo a vaccinarsi

Vaccino Covid: chi è Paolo Ciardelli 

Vaccino covidIl primo a rendere pubblica e virale sui social la sua vaccinazione è Paolo Ciardelli. Fisioterapista 28enne, che da aprile lavora nell’ospedale St. Thomas del centro di Londra. Le sue parole sono state di pura gioia. “Il miglior regalo di Natale. Per me e per voi.” Oltre a sottolineare la fortuna di essere stato tra i primi a ricevere il vaccino, Paolo condivide anche come la sua vaccinazione sia un beneficio per tutti. L’emozione principale che lo pervade è quella di tranquillità. “Sono tranquillo e non sarò più a rischio di trasmissione del virus. Ma anche per gli altri perché proteggendo me stesso posso finalmente tornare dalla mia famiglia e dai miei amici in Italia.” Per lui ci sarà un’altra vaccinazione tra 21 giorni che gli permetterà di avere l’immunità. Dopo tre giorni aggiorna tutti con un post sulle sue condizioni: “Sto benissimo. Grazie a tutti.”

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Covid efficace, protezione a un mese dalla somministrazione

Vaccino Covid: chi è Elena Baraldi 

Vaccino Covid
Dalla pagina Facebook di Città della Scienza

Elena Baraldi ha 30 anni e lavora come infermiera al Croydon University Hospital. Anche lei dopo diversi giorni non accusa nessun tipo di effetto indesiderato. Sto benissimo, per ora nessun effetto collaterale a parte il braccio un po’ indolenzito.” Anche Elena ripone la stessa fiducia del suo collega nella scienza. “Non ho avuto dubbi e sono contenta di essermi vaccinata. Sia per proteggere me stessa, sia per non diventare un veicolo di contagio verso pazienti, amici e familiari, che non so quando potrò riabbracciare. Contro questo virus il vaccino è l’unica soluzione. Potermi vaccinare è stata una grande opportunità.” Nonostante la vaccinazione, Elena dichiara di non poter tornare a casa per Natale .
“Non credo che riuscirò a tornare a casa. La mia città mi manca molto, so che anche lì la situazione è drammatica e i miei colleghi stanno facendo l’impossibile.” 

Ti consigliamo come approfondimento – Speranza espone il DPCM sul Vaccino in Senato: “Sarà gratuito”

Vaccino Covid: quando in Italia 

Vaccino Covid
Dalla pagina Facebook di “Che tempo che fa”

Mentre la Gran Bretagna si avvia alla prima settimana dall’inizio delle vaccinazioni, in l’Italia si inizierà nel 2021. A dirlo è Domenico Arcuri, commissario per l’emergenza, che espone le prospettive italiane durante la sua intervista a Che tempo che fa. “Noi dipendiamo tutti dalle decisioni dell’Ema che prevede di liberare il primo vaccino il 29 dicembre.
Speriamo che il secondo possa essere autorizzato il 12 gennaio.” La campagna di vaccinazione potrebbe quindi iniziare tra il 12 e 15 gennaio. La possibilità di una terza ondata potrebbe però far ritardare tutto. Nel caso di un aumento dei casi infatti gli operatori sanitari saranno impegnati nelle terapie intensive.  Non potranno quindi occuparsi delle vaccinazioni. Per questo Arcuri dice: “Non basta il lavoro che facciamo tutti noi. Serve che tutti italiani ci diano una mano: non ci fate vedere più le immagini degli assembramenti di oggi.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × 2 =