Vaccino italiano ReiThera, efficacia neutralizzante già dalla prima dose

0
662
Vaccino italiano prima dose

Vaccino italiano prima dose supera i test. Efficace già dalla prima somministrazione. Su 100 volontari, più del 90% ha prodotto risultati significativi. Anticorpi neutralizzanti che combattono il virus. Il vaccino ReiThera è pronto per le fasi successive. Verrà somministrato a migliaia di persone. Lo scopo è il riconoscimento prima dell’estate 2021. Per Domenico Arcuri è un successo, Italia vicina all’autosufficienza.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid variante sudafricana, virologo di Oxford: “Potrebbe resistere al vaccino”

Vaccino italiano prima dose efficace e nessuna reazione

Vaccino italiano prima doseUn grande successo per ReiThera. Il vaccino italiano GRAd-CoV2 mostra risultati sorprendenti. Somministrato a 100 volontari, nella fascia 18-55 anni: più del 90% ha sviluppato anticorpi neutralizzanti capaci di abbattere il virus. Ciò che sbalordisce sono i tempi. Dopo 28 giorni il 94% ha prodotto la risposta immunitaria con una dose soltanto. Nessuna controindicazione grave, né reazioni pericolose. Infiammazione del sito di iniezione, mal di testa e poca febbre.
Una produzione di anticorpi continua. La percentuale è contata chiaramente su tutto il campione, le restanti percentuali sono coperte da effetto placebo e somministrazione vaccinale bassa. I risultati del vaccino italiano sarebbero in linea con Moderna e Pfizer. Anzi, proprio come Moderna, ReiThera può conservarsi stabile per 30 giorni a 2-8 °C.

Ti condigliamo come approfondimento – Santobono di Napoli, 16 bambini affetti da sindrome misteriosa post Covid

ReiThera fase 3 entro l’estate 2021

Vaccino italiano prima fase

Il vaccino italiano nasce dalla collaborazione di ReiThera con l’Ospedale Spallanzani di Roma. Giuseppe Ippolito, direttore scientifico dell’ospedale si dice fiducioso: “Il protocollo lo sottometteremo alle agenzie regolatorie in tempi brevi e l’ipotesi è di chiudere fase 3 entro l’estate“. Allo stato attuale, in tutto il mondo, ben 44 vaccini sono in fase sperimentativa, fase 1; 20 risulterebbero in fase 2; 19 in fase 3. Superare l’ultima fase garantirebbe medicinale a sufficienza per vaccinare l’intero globo.
La prima fase è quella dei safety trials, superata da ReiThera. Nella seconda avverrà una somministrazione che prevede un campione più ampio. Nell’ultima fase, si valuterà l’andamento su migliaia di persone, valutando non solo la risposta del sistema immunitario. Sarà vitale comprendere la resistenza all’infenzione.

Domenico Arcuri, commissario straordinario per l’emergenza Covid , dice: “Proviamo a raggiungere una qualche indipendenza anche nella dotazione dei vaccini; il Governo ha destinato risorse sufficienti a finanziare lo sviluppo successivo della sperimentazione di ReiThera”. 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno + 11 =