Vaccino Johnson & Johnson, prossimo l’ok dell’Ema: ecco perché cambierà tutto

0
223
vaccino johnson

Il tanto atteso vaccino Johnson & Johnson è stato approvato sabato 27 febbraio dall’FDA (Food and Drug Administration). Gli Stati Uniti, con un’autorizzazione di emergenza, hanno quindi avuto il via libera per il primo vaccino anti-Covid monodose. La notizia ha avuto una risonanza positiva anche per l’Europa. Difatti l’EMA – Agenzia Europea per i Medicinali – ha accelerato il processo di approvazione. L’ok verrà probabilmente anticipato al prossimo 11 marzo. Questo vaccino potrebbe dare una svolta alla gestione dell’attuale emergenza da Covid-19; è dimostrata infatti la sua maggiore versatilità nella somministrazione e la sua alta efficacia.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Covid Africa: via alle somministrazioni in Ghana e Costa D’Avorio

Vaccino Johnson & Johnson Ema: vicinissimo l’ok dall’Agenzia

Tagli vaccini AstraZeneca, inail vaccino covid vaccino johnsonDopo i ritardi dei primi mesi del 2021, e le numerose critiche ricevute per la lentezza dei processi di autorizzazione dei medicinali in un periodo di tale emergenza, l’Ema ha deciso di accelerare sull’approvazione del vaccino Johnson & Johnson per l’Europa.

Ecco il comunicato pubblicato sul sito dell’ente: “L’Agenzia europea del farmaco convocherà una sessione straordinaria del suo comitato per i medicinali per uso umano l’11 marzo per prendere in considerazione l’autorizzazione del vaccino Johnson&Johnson. Quel giorno potrebbe essere emesso, se possibile, un parere sull’autorizzazione all’immissione in commercio di questo vaccino. Questa riunione straordinaria è organizzata nel contesto della valutazione del vaccino COVID-19 sviluppato da Janssen-Cilag International N.V. Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) è il comitato responsabile della preparazione dei pareri dell’Agenzia su tutte le questioni riguardanti i medicinali per uso umano”.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccino Takis, al via la sperimentazione: efficace contro tutte le varianti

Vaccino Johnson & Johnson efficacia: caratteristiche e funzioni

Draghi vaccini prima dose, variante californiana napoli vaccino johnsonIl vaccino Johnson & Johnson, a differenza degli altri prodotti autorizzati – ovvero Pfizer, Moderna e Astrazeneca – ha un notevole vantaggio: può essere somministrato con una sola dose. Tra l’altro, durante le fasi di sperimentazione, si è dimostrato altamente efficace nel prevenire le forme gravi di Covid-19. Inoltre, ha dato buoni risultati anche sulle forme derivanti dalle nuove varianti.

Nello specifico, il vaccino di Janssen-Cilag si basa su vettori derivanti da adenovirus di sierotipo 26 (Ad26). All’interno contiene l’informazione genetica per la produzione della proteina Spike, presente sulla superficie del SARS-CoV-2. Le cellule dell’organismo – una volta ricevuta l’informazione genetica – sono dunque indotte alla sintesi di questa proteina, riconosciuta come estranea dal sistema immunitario. Di conseguenza, vengono prodotte anche le difese naturali per “proteggersi” dalla Spike estranea. In questo modo l’organismo avrà già pronto un pool di cellule T e anticorpi necessari per la difesa dal virus. In pratica, il vaccino previene l’ingresso del coronavirus nell’organismo, e ne distrugge quelle infette.

Ti consigliamo come approfondimento – Caserta, muore di variante covid dopo il vaccino Pfizer. Asl: “È sicuro”

Ulteriori vantaggi

stop vaccini vaccino johnsonIl vaccino Johnson & Johnson ha inoltre un notevole vantaggio circa la modalità di conservazione: resta stabile per tre mesi se conservato a una temperatura di 2-8 gradi, e per due anni se conservato a -20 gradi.

Tra l’altro, è stato testato su soggetti con altre patologie di base – obesi, diabetici, malati oncologici – e ha dimostrato una copertura del 100% contro il rischio di ospedalizzazione o morte. I test clinici hanno inoltre confermato un’efficacia dell’85% contro le forme più gravi di Covid. Testato in Sudafrica nel periodo di circolazione della variante, si è dimostrato efficace al 66% sulle forme gravi o moderate.  

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 + 3 =