Vaccino: è polemica in Lombardia per la mancata autorizzazione AIFA

La Regione Lombardia acquisisce 100mila dosi di vaccino da un'azienda cinese ma la distribuzione si ferma perché l'AIFA non dà l'ok

0
552
lombardia vaccino covid campania, vaccino Covid e fake news

Nuovi problemi in Lombardia, la regione italiana più colpita dalla pandemia di Covid-19. Stavolta la grana è legata al vaccino antinfluenzale di quest’anno. Dopo alcune turbolenze nell’aggiudicazione delle forniture vaccinali, ha fatto molto discutere l’esito dell’ultima gara. Difatti, ben 100mila vaccini antinfluenzali destinati alla Regione Lombardia non potranno essere distribuiti per la mancata autorizzazione dell’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Di seguito, tutti i dettagli sulla faccenda.

Ti consigliamo come approfondimento – Covid-19: Italia pronta alla seconda ondata con 11.000 posti in terapia intensiva

Lombardia: che succede ai vaccini?

Vaccino lombardiaDal 26 febbraio 2020 la Regione Lombardia ha indetto ben dieci gare per aggiudicare la fornitura delle dosi vaccinali alle varie aziende specializzate. Tra queste:

  • Tre non sono state aggiudicate;
  • Una è stata sospesa;
  • Una è andata deserta;
  • Solo quattro sono andate a buon fine.

Tuttavia, dopo la mancata aggiudicazione della nona gara, se n’è indetta una decima – per l’acquisizione di altri 500mila vaccini totali – con un esito ancora più preoccupante. Una delle aziende ammesse, che avrebbe dovuto fornire un lotto di 100mila vaccini, la cinese LifeOn, non ha ancora ottenuto l’AIC – Autorizzazione  all’Immissione in Commercio – da parte di AIFA per l’Italia. Senza questa autorizzazione il lotto non può essere utilizzato.

Ma c’è dell’altro: l’altra azienda che ha partecipato alla gara, la Falkem Swiss, che dovrebbe fornire 400mila dosi di vaccino, è stata ammessa con riserva perché non è riuscita ad effettuare la registrazione ad Anac (Autorità nazionale anticorruzione).

Ti consigliamo come approfondimento – Covid vs Natura: ciò che salverà l’uomo ucciderà 500.000 squali

Critiche alla Regione Lombardia

Covid-19 regioni coronavirus lombardiaLa vicenda ha fatto molto discutere. Difatti, non sono mancati gli attacchi di Pd e M5S alla gestione (leghista) della Lombardia. Il capodelegazione del Pd in commissione sanità del Consiglio regionale della Lombardia, Samuele Astuti, parla di “Ennesimo fatto grave in una vicenda in cui la Regione Lombardia ha dato il peggio di sé”. Il problema è che: “L’assenza di quel quantitativo (di vaccini, ndr) porterebbe la Regione vicinissima al limite inferiore della copertura delle categorie più a rischio. Si lascerebbero del tutto scoperte intere fasce di popolazione che, invece, sarebbe importante che si vaccinassero contro l’influenza, come raccomandato dal Ministero della Salute e da tutti gli organismi competenti nella lotta al Sars-Cov-2”.

Anche Marco Fumagalli, capogruppo del M5S in Consiglio regionale della Lombardia, esprime il suo dissenso attaccando perlopiù Aria (Azienda Regionale per l’Innovazione e gli Acquisti): “La notizia che Aria ha aggiudicato la fornitura di vaccini a una società cinese che pare non abbia la certificazione Aifa è la conferma che Aria non funziona e che in Regione la mano destra non sa cosa fa quella sinistra”.

Ti consigliamo come approfondimento – Arriva un alleato contro il Covid? Ecco cosa c’è da sapere

L’importanza del vaccino antinfluenzale

AstraZeneca lombardiaTuttavia in una nota (arrivata dopo i vari attacchi di Pd e M5S) Aria precisa che: “Non verrà acquisito, e quindi distribuito, alcun vaccino che non abbia ottenuto le autorizzazioni previste dalla legge e le conseguenti scrupolose verifiche”. Inoltre, sembra che non ci sia da preoccuparsi troppo, in quanto: “Tutto questo non pregiudica la campagna vaccinale antinfluenzale. Le dosi già acquisite da Regione Lombardia nel corso dei mesi ammontano a 2,9 milioni di unità”.

Quest’anno, la campagna vaccinale contro l’influenza ha un ruolo fondamentale. Difatti, permetterebbe un’importantissima scrematura dei tamponi, eliminando già a priori buona parte dei soggetti da monitorare. I sintomi dell’influenza infatti, com’è risaputo, sono molto simili a quelli del Covid-19 soprattutto nella sua fase iniziale. Con la vaccinazione antinfluenzale si potrebbero risparmiare circa 4-5 milioni di tamponi per casi dubbi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

venti − 4 =