Vaiolo delle scimmie, 4 nuovi casi nel Regno Unito. È giallo sull’origine del contagio

0
851
vaiolo scimmie

Vaiolo scimmie scoperti 4 casi nel Regno Unito nelle ultime settimane. Nessuno dei contagiati ha svolto recenti viaggi in Africa. L’Agenzia sanitaria indaga sull’origine. Al momento nel regno Unito sono stati trovati 7 casi in totale. Le autorità tranquillizzano che il contagio è molto difficile tra persone. L’indice di mortalità al momento registrato è dell’1% tra i contagiati. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Saman Abbas, inizia la lotta in tribunale ma mancano genitori. Avvocato: “Non sanno nulla”

Vaiolo scimmie: cos’è e quali sono i sintomi 

Vaccino Covid Africa, vaiolo scimmieIl vaiolo delle scimmie è una malattia infettiva presente per lo più in località remote dei paesi tropicali dell’Africa centrale e occidentale. Generato dalla trasmissione tra animali selvatici infetti, presenta una sintomatologia molto simile al vaiolo. Si registra febbre alta, mal di testa e dolori muscolari. Più evidente l’eruzione cutanea sotto forma di pustole e vesciche che si presentano su tutto il corpo. La mortalità in Africa che il paese con il numero più consistente di casi è del 10%. In Europa e Stati Uniti i pochi casi scoperti nel corso degli anni si sono presentati dopo un viaggio nel continente africano. 

Si è sempre trattato di casi molto isolati dato che il vaiolo in questione si trasmette solo attraverso uno stretto contatto quale saliva data da un morto o sangue. Le agenzie sanitarie hanno sempre monitorato i casi in Africa. Negli ultimi anni in particolare il numero di contagi tra gli esseri umani è aumentato nella Repubblica democratica del Congo. Ipotesi è che il virus si stia espandendo tra le persone non più immunizzate dalla vaccinazione contro il vaiolo umano. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Caso Evan, scioccante risvolto in aula: il bimbo di 2 anni veniva abusato sessualmente dal patrigno

Vaiolo scimmie: il giallo dei casi nel Regno Unito 

vaiolo scimmie, qantas, volo valencia napoliDegli ultimi 4 casi riscontrati nel Regno Unito, il giallo è sull’origine del contagio. In totale i casi sono 7. Se per i primi 3 c’è stata una correlazione con un precedente viaggio in Africa. Invece per gli ultimi 4 non ci sono collegamenti con l’Africa o con i primi tre risultati infetti. L’Agenzia per la sicurezza sanitaria nel Regno Unito sta svolgendo ricerche sul caso. Tuttavia le autorità continuano a tranquillizzare la popolazione, assicurando che il rischio resta al momento basso. I 7 infettati al momento non sembrano essere in percolo di vita. Gli esperti hanno riscontrato che il virus proviene dal ceppo occidentale ed è quindi più lieve dell’infezione in Africa centrale. Il periodo di incubazione dopo la comparsa dei primi sintomi è dai 5 ai 21 giorni. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Lite nel pub: cane decapitato e lasciato fuori alla porta del bar per vendetta

Vaiolo scimmie: la nota dell’Agenzia per la sicurezza sanitaria 

vaiolo scimmie, proiettile ano, campania medici contro regione, cosenza prof morto,Gli esperti hanno sottolineato che il contagio tra gli esseri umani è molto basso perché generato con un contatto molto stretto. L’agenzia per la sicurezza sanitaria ha rilasciato una nota sull’accaduto. “I casi più recenti riguardano comunità gay, bisessuali e altre comunità di MSM. E poiché il virus si diffonde attraverso uno stretto contatto, consigliamo a questi gruppi di prestare attenzione a eventuali eruzioni cutanee o lesioni insolite su qualsiasi parte del loro corpo. In particolare sui genitali, e di contattare un servizio di salute sessuale in caso di dubbi”. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Stefania Craxi alla presidenza della Commissione esteri, complimenti e critiche. Ma Conte tuona

Vaiolo scimmie Italia primo caso: giovane tornato dalle Canarie 

Italia colori regioni, vaiolo scimmie È di poche ore fa la notizia del primo caso di Vaiolo delle scimmie in un giovane italiano rientrato da un viaggio alle Canarie. Le sue condizioni sono state definite discrete. Ricoverato allo Spallanzani, i sanitari stanno già facendo il rintraccio dei contatti stretti. “Al momento i tre casi osservati e nei casi in Europa e in Usa, non presentato segni clinici di gravità.La trasmissione può avvenire attraverso le goccioline di saliva, il contatto con le lesioni e i liquidi biologici infetti”. Questa la dichiarazione degli esperti.