Vannacci chiede scusa a Paola Egonu: “Italiana di cui andare orgogliosi”

0
204

Vannacci chiede scusa Egonu: “Italiana di cui andare orgogliosi. Ma questo non può celare la sua origine”. Le scuse sono arrivate dal generale dopo che la campionessa di pallavolo lo aveva denunciato per le sue affermazione nel libro “Il mondo al contrario”. L’udienza è stata fissata dal gip del tribunale di Lucca per il prossimo 14 giugno.

Ti consigliamo come approfondimento – Vannacci, nuovo attacco agli studenti: “Sono loro che si fanno manganellare”

Vannacci chiede scusa Egonu: “Italiana di cui andare orgogliosi. Questo però non può celare la sua origine”

Generale Vannacci sospeso, Vannacci chiede scusa Egonu
Fonte Wikipedia

Vannacci chiede scusa Egonu dopo che la campionessa di pallavolo lo ha denunciato per le affermazioni contenuto nel suo libro. “Non ho mai avuto dubbi sulla sua cittadinanza italiana. Sono personalmente e convintamente fiero che lei rappresenti il nostro tricolore con la sua eccellenza sportiva. Ma questo non può celare visivamente la sua origino di cui, sono convinto, lei stessa vada fiera”. Questo è quanto affermato dal generale Vannacci in una lettera aperta a Paola Enogu. Il generale afferma che Paolo Enogu “è italianissima. E’ un’italiana di cui andiamo orgogliosi”. Nella lettera, parlando della sua diversità, Vannacci la descrive come una ricchezza e come una risorsa. Il generale conclude la missiva esprimendo la speranza di aver spiegato al meglio il significato delle sue parole e auspica un incontro amichevole tra i due che possa permettergli di esprimere dal vivo il suo pensiero.

Ti consigliamo come approfondimento – Il Generale Roberto Vannacci sospeso per 11 mesi, il provvedimento arriva dal Ministro Crosetto

Paola Enogus ha denunciato il generale dopo aver letto il suo libro: l’udienza è fissata a giugno

Vannacci chiede scusa Egonu
Fonte Ansa

Paola Enogu aveva denunciato il generale Vannacci qualche mese fa con l’accusa di diffamazione. La denuncia era stata presentata a Bergamo e poi trasferita a Lucca in quanto il generale risiede a Viareggio. La procura di Lucca aveva quindi chiesto l’archiviazione. Tuttavia Paola Enogu si era opposta alla chiusura delle indagini. Quindi il gip ha dovuto fissare l’udienza per la discussione in data 14 giugno 2024. Nella querela Egnou contesta le frasi del generale relative ai suoi tratti somatici.