Variante inglese lockdown di 3 settimane, la minaccia di una terza ondata

0
219
variante inglese lockdown

Variante inglese lockdown o zone rosse, i pareri continuano a restare divisi, ma i casi aumentano. Diversi gli allarmi, ma alcuni insinuano il dubbio di illecito. Tra terrore e verità, si fa sempre più vivo l’incubo di ritornare reclusi in casa. La proposta di Gimbe è di chiudere tutto per almeno 2-3 settimane. Crisanti chiede di abbandonare le zone gialle a favore di un colore rosso. Tra soluzioni e vaccini, le varianti aumentano.

Ti consigliamo come approfondimento – AstraZeneca: vaccino sospeso in Germania, un’ondata di effetti collaterali

Variante inglese lockdown di almeno due settimane, avverte Gambe

variante inglese lockdownA un anno di distanza, la paura ricomincia. Troppe varianti, troppe incognite nei piani per combattere il virus. Il nuovo Governo si trova di fronte una nuova sfida senza eguali. Lockdown sì o no? I dati parlano, ma bisogna comprendere bene cosa dicono realmente. È un pericolo lasciare le scuole aperte, soprattutto le elementari. Inizia una guerra tra terrore e ricerca di verità e forse non bastano più le zone divise.

Gimbe analizza i contagi e avverte: “Anche questa settimana nonostante i dati riflettano i contagi avvenuti in un’Italia tinta di rosso e arancione, i nuovi casi non accennano a diminuire. E guardando ai dati regionali si rilevano segnali di incremento, favoriti dalla circolazione delle nuove varianti.Nino Cartabellotta, presidente della fondazione, analizza il monitoraggio. “Serve un cambio di passo nel controllo della pandemia perché, complici le varianti, è impossibile piegare la curva dei contagi con le attuali misure di mitigazione, confidando solo nel potenziamento della campagna vaccinale. Questo è il momento per abbattere la curva dei contagi con un lockdown rigoroso di 2-3 settimane al fine di riprendere il tracciamento, allentare la pressione sul sistema sanitario, accelerare le vaccinazioni e contenere l’emergenza varianti.”

Del parere contrario è Roberto Burioni: “La nuova moda è terrorizzare con la variante“. Secondo l’esperto, non ci sono dati sufficienti per avvalorare la paura che i vaccini non riescano a debellare il virus e le sue mutazioni.

Ti consigliamo come approfondimento – Galli smentito dal suo ospedale: “Nessun reparto pieno per le varianti”

Variante inglese lockdown o zone rosse?

variante inglese lockdown

Non è più chiara quale sia la strada più opportuna da prendere. Crisanti si aggiunge a Gimbe in un allarme alle varianti. “La variante inglese ha una capacità di trasmissibilità elevatissima: in Inghilterra sono passati da 10mila a 60mila in tre settimane. Se mi aspetto un aumento notevole dei contagiati viste queste premesse? Si, nelle prossime due o tre settimane, a meno che non si adottino misure di contenimento”. Inefficacia della zona gialla che porta solo ad aumento dei casi. “Dobbiamo fare si che questo non accada, bisogna agire per anticipare il virus.” Aggiunge. “Le zone arancioni e le zone rosse, potrebbero andare bene in determinate situazioni; ma non dove circolano le varianti. In Italia ci sono un paio di focolai, in Umbria e in Abruzzo, in questi casi bisogna fare un lockdown chirurgico.”

Zone rosse, mini-lockdown o lockdown nel fine settimana. Le ipotesi tra Governo ed esperti si aggirano intorno a queste ipotetiche soluzioni. Per il momento, si scongiura la chiusura totale. “Il lockdown nazionale non è necessario. Siamo in guerra e per uscirne servirà tutto il 2021.” Secondo l’opinione di Sileri, ex viceministro della Salute. Attaccare ora prima che l’incubo ritorni un anno dopo, a marzo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

6 + dieci =