Covid, arriva la nuova variante Mu: spaventa l’alta resistenza ai vaccini

0
152
Covid dopo vaccino variante Mu

Variante Mu: cos’è la nuova minaccia su cui sta indagando l’Organizzazione Mondiale della Sanità? Si tratta della quinta variante del Covid riconosciuta dopo Alpha, Beta, Gamma e Delta. Per la prima volta identificata in Columbia, è arrivata anche in altre zone dell’America Latina e in Europa. Per ora, l’incidenza nel mondo si mantiene a livelli piuttosto bassi, ma a preoccupare è la sua resistenza ai vaccini finora implementati. Di seguito tutti i dettagli.

Ti consigliamo come approfondimento – De Luca firma nuova ordinanza: prorogato obbligo di mascherina all’aperto

Variante Mu: diffusione e caratteristiche

Variante Covid Napoli variante muDal bollettino settimanale dell’OMS spunta la nuova variante Mu. Secondo l’Organizzazione, attualmente i livelli di contagio della nuova mutazione si attestano al di sotto dello 0,1% della popolazione globale. Seppur dunque il tasso di incidenza sia ancora molto contenuto, il bollettino precisa un dato piuttosto preoccupante: la nuova variante possiede mutazioni altamente resistenti ai vaccini.

È stata identificata per la prima volta nel gennaio 2021 in Colombia, e da allora sono stati riconosciuti casi sporadici della variante Mu. I maggiori focolai sono stati identificati in Sud America e in Europa. Attualmente, la prevalenza globale tra i casi sequenziati della variante Mu è diminuita, ma in America Latina continua a destare preoccupazioni. Difatti, secondo il bollettino dell’Oms: “la prevalenza in Colombia (39%) ed Ecuador (13%) è costantemente aumentata”.

Ti consigliamo come approfondimento – Vaccini antiCovid: Open Day presso l’Asl Napoli 3 Sud senza prenotazione

Variante Mu: ancora una sconosciuta

farmaci intelligenti terapia genica cancro coronavirus peste bubbonica variante muAl momento sono necessari maggiori studi e approfondimenti per conoscere i rischi legati alla nuova variante Mu. Di sicuro, si tratta della quinta variante di “interesse” secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità. Si ricordano le altre quattro:

  • Alpha, registrata per la prima volta nel Kent e identificata in altri 193 paesi;
  • Beta, individuata in 141 Paesi;
  • Gamma, riconosciuta in 91 Paesi;
  • Delta, diffusa ormai in ben 170 Paesi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × 2 =