Vende pezzi di cadaveri dopo i funerali: addetta alle pompe funebri li impacchetta e spedisce per posta

0
466
Vende pezzi di cadaveri

Vende pezzi di cadaveri, spedendoli per posta. È stata un’addetta alle pompe funebri a rendersi protagonista di una vicenda tanto macabra. In origine, alcuni di questi corpi erano stati donati alla scuola di medicina dell’Università dell’Arkansas. Erano destinati alla cremazione, ma la donna 36enne ha iniziato a venderli attraverso i social network. L’addetta è stata così rintracciata e poi arrestata dopo una lunga inchiesta federale.

Ti consigliamo come approfondimento – Neonata abbandonata nella spazzatura, cane la trova e la salva da morte certa 

Vende pezzi di cadaveri e li rivende sui social: un ricavo di quasi 11mila dollari

Vende pezzi di cadaveriVende pezzi di cadaveri dopo i funerali e li rivende sui social. La macabra notizia è arrivata da Litte Rock, Arkansas, negli Stati Uniti d’America. Una donna, addetta al servizio di pompe funebri privato, avrebbe dovuto occuparsi della cremazione di alcuni cadaveri. Questi ultimi, infatti, erano stati precedentemente donati alla scuola di medicina dell’Università dell’Arkansas. L’addetta al servizio, tuttavia, ha venduto dozzine di parti di cadaveri. Li vendeva tramite social network per poter arrotondare il proprio stipendio. Dopo aver concordato il prezzo, la 36enne impacchettava i pezzi e li spediva tramite servizio postale.

Ad incastrare la donna è stata una lunga lista di prove, tra messaggi, spedizioni e pagamenti, raccolte dai federali. Il tutto sarebbe avvenuto in un periodo lungo nove mesi, dall’ottobre 2021 a luglio 2022. La colpevole, con ben 16 transazioni diverse, avrebbe incassato quasi 11mila dollari e avrebbe usufruito del servizio postale degli Stati Uniti d’America. Gran parte delle transazioni ricevute provenivano da un uomo della Pennsylvania, già arrestato e condannato lo scorso anno.

Ti consigliamo come approfondimento – Shock a Oristano, bimba di 10 anni annegata in mare: aveva perso la mamma da poco

Vende pezzi di cadaveri: messaggi macabri per lo scambio sui social

Vende pezzi di cadaveriVende pezzi di cadaveri e li rivende sui social. La polizia aveva già da tempo ricevuto delle segnalazioni circa lo scambio di messaggi macabri per la rivendita. Tutti i pezzi mercificati appartenevano, infatti, ad alcuni cadaveri donati precedentemente all’Università dell’Arkansas per la scuola di medicina. L’ente universitario aveva siglato un accordo con le pompe funebri: i cadaveri, subito dopo l’uso universitario, avrebbero dovuto essere cremati. Ed è proprio in quel momento che entrava in azione la 36enne: rivendeva i pezzi rimasti per poter arrotondare il proprio stipendio.

Agli acquirenti ha offerto “un cervello completamente intatto e imbalsamato”, ma non solo. Nella lista vi erano anche cuori, genitali, polmoni e pelle. Avrebbe rivenduto anche i resti di un feto a prezzo scontato in quanto “non è in gran forma”.

Al momento dell’apertura delle indagini, i proprietari del crematorio sono stati subito informati e hanno immediatamente licenziato la dipendente, collaborando con i federali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

15 − quattro =