Professoressa vieta l’uso del top alle ragazze: “Distraete i maschi”. Le liceali insorgono

0
351
Venezia professoressa vieta uso top

Venezia professoressa vieta uso top alle ragazze durante l’ora di ginnastica, secondo l’insegnante distrarrebbe i compagni maschi. La vicenda riportata è accaduta al liceo artistico statale Marco Polo di Venezia e le ragazze hanno sin da subito disatteso tale disposizione, infatti nei giorni a seguire sono entrate in classe solo con quell’indumento.

Le ragazze del collettivo studentesco che hanno messo in atto la protesta hanno ribadito:
Non accetteremo di doverci coprire per paura che qualcuno possa guardarci, toccarci o fischiarci. Non vogliamo essere educati alla paura, ma al rispetto!”

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, proteste degli studenti: “Non chiamateci untori!”

Venezia professoressa vieta uso top: le ragazze insorgono!

Venezia professoressa vieta uso topSecondo quanto riportato dal quotidiano La Nuova di Venezia e Meste, la polemica è nata la settimana scorsa a seguito di una discussione sorta tra le alunne e l’insegnante di ginnastica.

Nina Mingardi, una ragazza del collettivo Polo-Las, spiega la vicenda:
Un’insegnante di educazione fisica ha redarguito alcune studentesse che si erano presentate in palestra indossando un top sportivo intimando loro di indossare una maglietta, sostenendo che quell’abbigliamento non fosse adatto a un contesto scolastico. Alle ragazze che non avevano una t-shirt, la prof ha fatto fare lezione con la felpa. Ha anche aggiunto che, se l’episodio si dovesse ripetere, non esiterà a mettere una nota sul libretto alle studentesse disobbedienti. Il motivo? Quell’abbigliamento avrebbe potuto distrarre i compagni di classe maschi“.

Ma le ragazze non ci stanno e hanno organizzato una protesta:
Non accetteremo di doverci coprire per paura che qualcuno possa guardarci, toccarci o fischiarci. Non vogliamo essere educati alla paura, ma al rispetto. E, per insegnare il rispetto, mostrare le nostre forme è esattamente quello che intendiamo fare: andare in top a scuola, in palestra e in qualsiasi posto vogliamo. E, se le ragazze saranno punite per questo, come collettivo siamo pronti a rispondere“.

Infine, la professoressa di educazione fisica avrebbe rimproverato le studentesse facendo riferimento al più generale concetto di ‘decoro’. Infatti, secondo l’insegnate sarebbe opportuno che non indossino top e abiti scollati. Anche su questo punto c’è la replica di Mingardi:
Il decoro con l’abbigliamento non c’entra proprio nulla. […] La nostra protesta va oltre la discussione con la singola insegnante. È un discorso generale di mentalità, che deve cambiare. Io voglio e devo sentirmi libera di andare dovunque, vestita come mi pare. Devo essere libera di indossare il top sportivo tanto durante l’ora di ginnastica, quanto per assistere alla lezione a scuola. È arrivato il momento di imparare a scindere le persone dagli abiti che indossano“.

Ti consigliamo come approfondimento – Bari: reddito di cittadinanza percepito da clan mafiosi: 109 denunce!

Il collettivo Polo-Las cos’è?

scuole superiori campania, Venezia professoressa vieta uso topVenezia professoressa vieta uso top. Il collettivo ‘Polo-Las’ nasce come iniziativa spontanea degli studenti e con l’obiettivo di dare a quest’ultimi la possibilità di creare un luogo dove potersi confrontare. Come si legge su diverse altre testate giornalistiche, il collettivo Polo-Las non è nuovo a queste iniziative. Una delle ultime è quella di voler inserire l’educazione sessuale venga inserita tra le materie di studio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × cinque =