Via Crucis al Colosseo senza il Papa: il Pontefice deve “preservare la sua salute”

0
261
Papa Francesco licenzia vescovo americano

Via Crucis senza Papa Francesco. Il pontefice ha seguito il rito da Casa Santa Maria “per preservare la sua salute”. Almeno 25mila fedeli hanno partecipato alla Via Crucis al colosseo che ha concluso i riti del venerdì santo.

Ti consigliamo come approfondimento- Papa Francesco malato, annullati tutti gli appuntamenti. L’annuncio dal Vaticano

Via Crucis senza Papa Francesco: il Pontefice preserva la sua salute in vista dei prossimi impegni

Funerali Papa Francesco, Via Crucis senza Papa FrancescoVia Crucis senza Papa Francesco. C’erano 25mila fedeli al Colosseo per partecipare alla Via Crucis che ha concluso il Venerdì Santo. Papa Francesco sarebbe dovuto essere presente ma ha disdetto all’ultimo. Il Santo Padre ha preferito seguire la rievocazione da Casa Santa Maria in Vaticano per preservare la salute in vista dei prossimi impegni. La Settimana Santa per il Papa sarà lunga e ricca di appuntamenti. Ad esser presente alla Via Crucis è stato il vicario del Papa a Roma, il cardinale Angelo De Donatis. A comunicare l’assenza del Pontefice è stata la Sala stampa della Santa Sede. E’ la seconda volta che Papa Francesco salta la Via Crucis del Venerdì Santo. Era successo anche l’anno scorso a causa dell’intenso freddo di quei giorni. Era il periodo in cui il Pontefice era stato ricoverato al Gemelli a causa di una bronchite acuta.

Ti consigliamo come approfondimento- Via Crucis, l’ambasciatore ucraino risponde al Papa: “Con i Russi, no!”

La Croce portata da migranti, disabili e giovani

Via Crucis senza Papa Francesco A portare la Croce ieri sono stati sia religiosi che laici. Per i consacrati essa è stata portata da alcune suore di clausura, da un’eremita e da alcuni sacerdoti e parroci. Per i laici invece abbia visto alcuni residenti di una casa famiglia, delle persone accolte in una comunità di recupero e assistenza sociale e alcuni disabili. Inoltre la Croce è stata portata anche da un gruppo di migranti e da alcuni giovani operatori della Caritas. Il tutto illuminato dalle fiaccole tenute dagli studenti Universitari. Un messaggio che traspare è chiaro. Non si parla solo di pace e di accoglienza. Ma anche di tolleranza e coesione. Di collaborazione tra le varie parti sociali.