Shock sesso in pubblico, il video denuncia finisce in rete: “Il cliente non ha nemmeno tolto il casco!”

0
816
Video Meste

Video Mestre – Sesso in pubblico, distesi su una fioriera, entrambi senza freni inibitori, di fianco una strada molto trafficata. Questo è quello che è avvenuto a Mestre in via Trento, alcune notti fa. La coppia focosa non ha avuto timore degli automobilisti e dei condomini dei palazzi adiacenti: erano presi da una passione irrefrenabile.
A documentare l’accaduto c’è stato un video che è stato pubblicato all’interno di un gruppo Facebook cittadino. La “voce narrante” denuncia quanto accade ormai da tempo, ormai.

Ti suggeriamo come approfondimento – Shock a Oristano, bimba di 10 anni annegata in mare: aveva perso la mamma da poco

Video Mestre: sesso sfrenato in pubblico

Video MestreLa notizia viene ripresa da Il Gazzettino e, come si apprende da esso, Via Trento di Mestre, è conosciuta per le attività poco ‘consone’: traffico di droga, furti, e degrado. Tuttavia, una serata a luci rosse mancava all’elenco degli eventi bizzarri a cui avevano assistito i condomini della zona. Tra l’altro, questa scena è stata filmata e poi pubblicata integralmente sul gruppo Facebook cittadino.

Ti suggeriamo come approfondimento – Guerra Ucraina, Putin minaccia la Polonia: “Attacco a Bielorussia atto contro Russia”

Video Mestre: cosa si vede e sente nel video?

baci green sex notizie hot sesso pornhub amore coppia, come trascorrere san valentino 2021All’interno del video-denuncia è possibile ascoltare quanto segue:
Ore 23.30 via Trento fronte strada: facciamo qualcosa? Quella donna la conosciamo bene, dicono da queste parti. È dell’est ed è ben diversa dalle prostitute cinesi che sono stabilmente da queste parti, adescano i clienti e si spostano più lontano. No, lei è così e abbiamo visto anche noi tutta la scena dalla finestra. Prima si è spogliata e, quando è arrivato quel motociclista, ci hanno dato dentro senza farsi alcun problema. Poi lui è risalito in moto e lei è rimasta qui, seduta sulla stessa fioriera, ripulendosi con quei fazzoletti che sono ancora lì, perché qui non passano mai a pulire”.