Napoli, picchia la moglie per video sui social dove balla con i figli: arrestato

0
345
violenza napoli moglie, cane salva neonato, figlia abusi padre,

Nuova violenza Napoli moglie picchiata dal marito. L’ultimo di una serie di violenze che vanno avanti da mesi. Sventata una possibile tragedia. La giustificazione che l’uomo ha dato alle forze dell’ordine in caserma è stata la gelosia. Gelosia apparentemente causata dal vedere sui social un video in cui la moglie ballava con i figli. 

Ti consigliamo come approfondimento – Minorenni tentano di impiccare un cane in strada: residenti lo salvano

Violenza Napoli moglie: le violenze continue 

violenza napoli moglie L’uomo è un 43enne di Varcaturo. Secondo le dichiarazioni della moglie, quello di ieri sera non era il primo episodio di violenza di cui è stata vittima. L’incubo fisico e psicologico si protraeva da oltre 9 mesi. La donna era già una volta stata trasportata all’ospedale di Giugliano per medicare delle lesioni che il marito le aveva procurato con un bastone di legno. L’aggressione di ieri è stata fermata dai carabinieri. Le forze dell’ordine sono entrate nell’abitazione mentre l’uomo ancora inveiva contro la donna. Quest’ultima per timore non aveva voluto farlo entrare in casa dopo che l’uomo era mancato per alcuni giorni. Il 43enne è stato arrestato con l’accusa di violenza domestica. 

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, Ospedale del Mare: muore il nonno, urla e calci nel reparto

Violenza Napoli moglie: le scuse dell’uomo 

trans arresto droga, violenza napoli moglie Al momento dell’arresto l’uomo avrebbe tentato di giustificare le sue azioni. Il fattore scatenante, secondo le sue parole, è stata la gelosia. La donna aveva pubblicato sui social un video in cui ballava con i figli. Un azione che il 43enne ha ritenuto imperdonabile. L’uomo era già noto alle forze dell’ordine. Gli episodi precedenti non erano a quanto pare bastati per porre fine all’incubo della donna. Ora l’uomo si trova nel carcere di Poggioreale in attesa di giudizio. La decisione finale adesso spetterà ad un giudice. La donna può almeno trarre un sospiro di sollievo dopo mesi di incubo. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 1 =