Vite sotto scorta: grande successo per il convegno a Pomigliano d’Arco

0
11
vite sotto scorta

POMIGLIANO D’ARCO – Il 12 giugno 2019, alla Feltrinelli di Pomigliano d’Arco, è stato presentato il libro “Un morto ogni tanto”, di Paolo Borrometi. Vite sotto scorta – questo il tema dell’incontro – punta i riflettori su quelle figure che, a causa della mafia, sono costrette a vivere sotto scorta. Organizzatori e moderatori dell’evento sono stati l’ingegnere Oliver Tahir, (inventore del dispositivo di sicurezza Safe) e la giornalista Luciana Esposito (direttore, proprietario ed editore del giornale Napolitan).

Ti consigliamo come approfondimento – Oliver Tahir presenta “Safe”

L’autore di “Un morto ogni tanto”

vite sotto scortaPaolo Borrometi è un giornalista siciliano che da oltre 5 anni vive sotto scorta di Livello I. Le sue inchieste pubblicate sul giornale “La Spia”, di cui è direttore, lo hanno reso bersaglio di continue minacce da parte della mafia.

L’autore, costretto a rientrare in Sicilia a causa di un grave problema familiare, non era presente all’evento, ma il suo libro è stato il fil rouge della serata. I relatori hanno richiamato più volte il testo nei loro interventi, dimostrando la stima per Borrometi e per il coraggio con cui nonostante tutto continua a operare per un mondo migliore.

Come hanno sottolineato i protagonisti del dibattito, le parole sono un mezzo molto potente. Per questo, il lavoro del giornalista siciliano e di tutti coloro che portano i crimini di mafia all’attenzione dell’opinione pubblica e delle istituzioni è di vitale importanza.

Ti consigliamo come approfondimento – Paolo Borrometi a Pomigliano presenta il suo libro

Vite sotto scorta: gli ospiti

vite sotto scortaNumerosi e vari gli interventi, per parlare di storie di mafia da ogni prospettiva. Così è scaturita una lente di ingrandimento per analizzare il fenomeno a 360°.

Il vicesindaco di Pomigliano, Elvira Romano, ha ringraziato i relatori e ha espresso la sua vicinanza a Paolo Borrometi. Ha sottolineato la necessità di eventi che promuovano la legalità e insegnino il rispetto delle regole, dal nucleo sociale più piccolo a quello più grande. L’avvocato Nicola Strocchia ha aperto il convegno richiamando la sua tesi di laurea, incentrata sui fenomeni mafiosi e il rapporto con i media. Sono poi intervenuti il:

  • Dott. L. Vasaturo, direttore D.I.A. Napoli;
  • Tenente Colonnello G. Piasentin, comandante del R.O.S. (Reparto Operativo Speciale) Carabinieri di Napoli;
  • Dott. V. d’Onofrio, procuratore aggiunto presso il Tribunale di Avellino;
  • Dott. L. Maiello, Comandante del corpo della Polizia municipale di Nola.
Ti consigliamo come approfondimento – Legalità? A Pomigliano non muore mai. Tutti uniti contro le mafie

Vite sotto scorta

vite sotto scortaLa presentazione del libro “Un morto ogni tanto” ha avuto un duplice scopo. Da un lato, sensibilizzare l’opinione pubblica sui temi della mafia e della libertà di stampa. Dall’altro, manifestare solidarietà e appoggio verso tutti coloro che – come Borrometi – vivono sotto scorta perché hanno avuto il coraggio di denunciare.

Dalle testimonianze dei relatori traspare la fatica e l’impegno che ciascuno di loro, nell’esercizio delle proprie funzioni, pone in essere per combattere la criminalità. Le loro parole sono una fotografia accurata e realistica dell’operato di persone straordinarie come Paolo Borrometi, diffondendo i loro messaggi di giustizia e legalità.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here