Volontari Pro Vita offrono 100 euro a una donna per non abortire: l’associazione si dice estranea alla vicenda

0
282
cimiteri dei feti

Volontari Pro Vita offrono cento euro contro aborto. A Genova alcuni volontari pro-life avrebbero offerto 100 euro a una donna per convincerla a non abortire. L’ospedale fa sapere di non aver mai autorizzato il loro ingresso in struttura. Anche l’associazione Pro Vita Famiglia prende le distanze: “Vicenda assurda”

Ti consigliamo come approfondimento – La Francia inserisce il diritto all’aborto nella Costituzione: è il primo Paese al mondo

Volontari Pro Vita offrono cento euro contro aborto

feto aborto, Volontari Pro Vita offrono cento euro contro aborto
Dalla pagina Facebook di: Non Una Di Meno – Piacenza

Volontari Pro Vita offrono cento euro contro aborto. In un ospedale a Genova sarebbero stati offerti dei soldi a una donna per convincerla a non abortire. La cifra si aggira attorno ai 100 euro. Sarebbe stata proposta da due volontarie dell’associazione Pro Vita a una ragazza nella sala d’attesa dell’ospedale Villa Scassi di Genova. A raccontare il fatto è un’amica della donna. “E’ stata avvicinata da due donne che le hanno provato a fare la morale sulle ricadute psicologiche di un’eventuale interruzione. Le hanno offerto 100 euro per non farlo”. La donna in questione sarebbe di origine straniera e avrebbe una storia familiare molto delicata. La donna aveva scoperto di essere incinta all’ospedale Galliera dove però le era stato risposto che in quella struttura non si praticavano aborti.

Ti consigliamo come approfondimento – Marche, prima regione italiana a vietare l’aborto, attiviste: “Abolire l’obiezione di coscienza!”

La replica dell’Associazione Pro Vita Famiglia

donatore sperma denunciato, donna incinta, uccide donna incinta, cane finestra padre, Volontari Pro Life offrono cento euro contro abortoL’associazione Pro Vita Famiglia si dice “totalmente estranea alla vicenda”. Il portavocoe dell’associazione sottolinea l’assurdità della vicenda. Il portavoce ribadisce che sono necessarie delle riforme pubbliche e strutturali in ambito lavorativo, fiscale e nei servizi sociali di tutela della maternità e dell’infanzia. Anche Villa Scansi fa sapere di non aver autorizzato l’ingresso ai rappresentanti delle associazioni Pro Vita negli ambulatori e negli spazi interni della struttura.

Ti consigliamo come approfondimento – USA, duro spot per garantire il diritto d’aborto: “Hai abortito, sei in arresto”

Federica Di Martino, psicologa: “Fare propaganda sui corpi dei più vulnerabili è una politica pericolosissima”

madre biologica tiktok, incinta suicida marito, donatore sperma denunciato, Volontari Pro Life offrono cento euro contro abortoFederica Di Martino psicologa e creatrice del canale “Ivg, ho abortito e sto benissimo” dichiara che approfittarsi della vulnerabilità di una donna nel tentativo di comprarne la libertà è un gesto molto violento. “Le donne straniere vivono uno stigma plurimo. Soprattutto in ambito riproduttivo. Fare propaganda sui corpi dei più vulnerabili è politica pericolosissima”