WhatsApp: arrivano le nuove emoticon contro le differenze di genere

0
376
WhatsApp

WhatsApp è tra le chat più utilizzate in tutto il globo. Le sue emoji vengono aggiornate di frequente al fine di essere sempre più rappresentative e inclusive. Nell’ultimo aggiornamento, tra le nuove icone, fanno la loro comparsa quelle riferite al terzo genere. Si tratta di un “omino” di genere neutro, alternativo a quelli di maschio e femmina. Ancora più importante è la bandiera del movimento transgender. Con questo termine si indicano sia coloro che hanno un’identità di genere diversa dal loro sesso biologico sia, in maniera più generica, tutti gli orientamenti sessuali.

Ti consigliamo come approfondimento – Berlino annienta il gender gap sui mezzi pubblici: nasce l’Equal Pay Day

WhatsApp integra il “terzo genere”

whatsappChi ha effettuato l’ultimo aggiornamento dell’applicazione avrà notato la comparsa di un terzo personaggio tra le figure umane. A prima vista sembrerebbe solo un cambio d’abito ma, osservando meglio l’emoticon, si nota la sua connotazione neutra rispetto ai “colleghi” uomo e donna. Si tratta di un chiaro riferimento all’integrazione del terzo genere anche nel mondo social.

Che WhatsApp appoggiasse l’amore in tutte le sue forme era già noto. Lo ha ampiamente dimostrato in precedenza con i cuori che richiamano la rainbow flag (bandiera arcobaleno che simbolicamente rappresenta la comunità LGBTQ+) e, soprattutto, con la varietà di combinazioni per rappresentare la famiglia.

Oltre alla terza sagoma umana, compare una nuova bandiera: la Transgender Pride Flag (bandiera dell’orgoglio transgender). WhatsApp ha integrato la bandiera ideata da Monica Helms e apparsa nel 2000 al pride di Phoenix, in Arizona (USA). Il colore bianco al centro, tra le bande rosa e azzurre, rappresenta la transizione da un genere all’altro. Un’altra interpretazione, fornita dalla stessa autrice, è che la neutralità del colore integra chi preferisce definirsi “senza genere”, non sentendosi né uomo né donna.

Ti consigliamo come approfondimento – Bagni gender free: arriva la toilette per il “terzo sesso”

WhatsApp: perché questo aggiornamento

Asl Napoli whatsappPerché presentare ora questa novità? È semplice! Il 1° dicembre ricorreva la Giornata Mondiale contro l’AIDS. Attenzione! Guai a cadere nello stereotipo che il virus HIV si veicoli con maggior frequenza nel mondo transgender. Più che altro, è ben noto quanto le associazioni legate a quest’ambiente si impegnino nelle campagne di prevenzione e informazione circa questo male.

Ad avvalorare la tesi è l’introduzione su WhatsApp anche della bandiera dell’ONU. Le Nazioni Unite, infatti, sono l’Ente promotore della Giornata Mondiale contro l’AIDS, in occasione di un Summit mondiale dei Ministri della Sanità nel 1988. In seguito, è stata adottata da governi, organizzazioni internazionali e associazioni di tutto il mondo.

Dal 1981 l’AIDS ha ucciso oltre 25 milioni di persone. Si tratta di una delle epidemie più distruttive che la storia ricordi. Un’epidemia che, nonostante l’evoluzione terapeutica, continua a mietere vittime.

Ti consigliamo come approfondimento – Terzo genere sessuale è legge in Germania! Uomo, donna e… “vario”!

Gay Friendly: le aziende che sposano l’inclusione di genere

bagni gender free whatsAppOltre a WhatsApp, ci sono diverse aziende che appoggiano e sostengono la diversità di genere. Un’eccellenza è Air Italy, la prima compagnia aerea d’Europa gay friendly. L’azienda ha introdotto l’opzione “X” per offrire una terza scelta di genere ai passeggeri che non desiderano definirsi maschio o femmina. Ad oggi è anche partner ai pride di Toronto, Milano e Sofia.

Data la mole di persone a rappresentare questo mondo, l’Istat (Istituto Nazionale di Statistica) invita esplicitamente il “terzo genere” a partecipare ai questionari. Un modo per dare voce all’intera comunità LGBTQ+. È importante che nelle statistiche nazionali riguardanti la popolazione sia rappresentata anche quest’ultima, per orientare scelte politiche, economiche e amministrative.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here