Whirlpool, lavoratori in rivolta. Bloccati i binari della stazione di Napoli

0
59
whirlpool protesta
Dal gruppo Facebook di "Whirlpool Napoli non molla"

Whirlpool protesta alla stazione centrale di Napoli. Oltre 200 lavoratori hanno bloccato i binari dei treni ad alta velocità come segno di protesta. Dopo il licenziamento dei primi 350 operai, oggi la rivolta contro la multinazionale americana continua nel centro di Napoli. 

Ti suggeriamo come approfondimento – Napoli, Whirlpool licenzia 350 operai. Protesta a Capodichino blocca i voli

Whirlpool protesta alla stazione centrale 

Whirlpool protesta
Dal gruppo Facebook “Whirlpool Napoli non molla”

La chiusura imminente della struttura con sede a Napoli sta causando e causerà il licenziamento di centinai di operai. L’amministratore delegato dell’azienda, Luigi La Morgia, ha spiegato come la chiusura della struttura sia legata a ragioni di mercato. “L’attività produttiva è già terminata a fine ottobre, non è possibile. Le lavatrici di alta gamma che erano prodotte a Napoli non hanno più mercato.” Il rifiuto delle 13 settimane di cassazione volute dai sindacati e il licenziamento dei primi 350 dipendenti aveva scatenato la prima rivolta a Capodichino la scorsa settimana. Oggi la protesta si è spostata sui binari dell’alta velocità. Sono circa 150 i lavoratori che con striscioni e slogan hanno bloccato la circolazione dei treni. “Devono ascoltarci, ci ridiano il lavoro, subito.” 

Ti suggeriamo come approfondimento – Whirlpool: lavoratori in piazza, consegnata lettera al prefetto di Napoli

Whirlpool protesta, parlano i sindacati 

Dipendenti Whirlpool Napoli, Whirlpool protesta
Dalla pagina Facebook Cral Whirlpool Napoli Pubblica

Tutti i treni ad alta velocità sono stati impossibilitati a partire nel corso della mattinata. Il rappresentante del sindacato Uil, Giovanni Sgambati si scusa per i disagi ai viaggiatori, ma sono necessari. “Ci possiamo solo scusare per i disagi. Ma per le lavoratrici e i lavoratori della Whirlpool Napoli non si può accettare l’arroganza della multinazionale di ricorrere ai licenziamenti collettivi dopo due anni di lotta. Faremo tutto il possibile per contrastare questa decisione. Non lo meritano la città di Napoli e il Mezzogiorno.” Sul posto presenti le Forze dell’Ordine nel tentativo di riportare la calma e permettere il ripristino della circolazione. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × 3 =