Vocoder: arriva il sistema capace di leggere nel pensiero

Il dispositivo traduce il pensiero in parola, dall’America l’incredibile scoperta

0
116
vocoder

È il cosiddetto vocoder il dispositivo in grado di leggere nella mente dell’individuo, convertendo i pensieri in parole. La ricerca, ancora a uno stato iniziale, potrebbe cambiare la vita di chi è impossibilitato a parlare. (Leggi anche: Pepper, l’infermiere robot giapponese approda a Napoli) La sorprendente creazione è stata realizzata dai ricercatori del Mind Behaviour Institute presso la Columbia University sotto la direzione del prof. Nima Mesgarani e del neurochirurgo Ashesh Dinesh Mehta. Lo studio, pubblicato su Nature, non ha precedenti nella storia.

Vocoder: cos’è e come interpreta i segnali cerebrali

vocoder

Il vocoder è un algoritmo informatico che, col supporto dell’intelligenza artificiale, riesce a tradurre le onde cerebrali, generate dal processo di segnalazione neuronale, in parole comprensibili. In pratica, ogni volta che pensiamo produciamo impulsi elettrici: riuscire a interpretarli e comunicarli è la nuova sfida della scienza.

Leggi anche: Glioma, conoscerlo per combatterlo grazie ai Big Data

Nell’esperimento la prima fase di “training” è stata necessaria per fornire alla macchina tutti gli strumenti di apprendimento possibili, esempi di discorsi e impulsi vari, in modo che successivamente fosse in grado di confrontarli efficientemente con stimoli differenti. Ad alcuni pazienti epilettici, già operati al cervello, è stato chiesto di ascoltare ripetutamente delle frasi pronunciate da individui diversi. I loro stimoli cerebrali sono stati registrati e convertiti in modelli matematici. È proprio sulla base di tali formule scritte che il vocoder sintetizza le “parole”.

La seconda fase, “di prova”, ha visto gli stessi pazienti ascoltare una sequenza numerica casuale da 0 a 9. Gli stimoli, nuovamente convertiti in modelli neuronali, sono stati tradotti in un segnale audio dal vocoder. Tale segnale, ripulito grazie all’aiuto dell’intelligenza artificiale, corrispondeva esattamente a quella sequenza. Il 75% delle persone che hanno ascoltato la voce robotizzata hanno giudicato “comprensibile” ciò che diceva.

Uno sguardo al futuro

vocoder

In un futuro non troppo remoto il vocoder potrebbe riuscire a interpretare segnali più complessi, fino a comunicare pensieri elaborati. La speranza è quella di dare una nuova voce a chi, a causa di malattie o traumi, non riesce più a comunicare. Mesgarani, fiducioso nel suo progetto, annuncia: “Questo sarebbe un punto di svolta. Darebbe a chiunque abbia perso la capacità di parlare, sia per infortunio che per malattia, la rinnovata possibilità di connettersi al mondo che lo circonda“.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here