Caserta, lega il figlio con guinzaglio e lo picchia con un ferro. Arrestato

0
1419
Uomo lega figlio
Dalla pagina Facebook della Polizia di Stato

Uomo lega figlio. Arrestato un cinquantaquattrenne nel Casertano, accusato di maltrattamenti verso la moglie e il figlio sedicenne. Tra i vari maltrattamenti subiti dal figlio vi è l’essere stato legato con un guinzaglio all’auto e colpito con una sbarra di ferro.

Ti consigliamo come approfondimento-Napoli, strisiconi per il rapinatore del Rolex morto: “Persona fantastica!”

Uomo lega figlio: ennesimo episodio di violenza

assistenza violenza sessualeIl cinquantaquattrenne di origini albanesi è stato arrestato dalla squadra mobile di Caserta. Le indagini sono partite in seguito alla denuncia del figlio, che in lacrime si è presentato alla Questura di Caserta. Tra i vari maltrattamenti subita dal giovane vi è un episodio agghiacciante. Infatti, qualche settimana fa, il giovane era stato visto in compagnia di un amico che non piaceva al padre. La reazione del padre fu molto violenta. Infatti, condusse il giovane in una campagna e dopo averlo legato all’auto mediante il guinzaglio del cane, lo ha percosso con una sbarra di ferro. Questo però è stato solo uno degli ultimi episodi di violenza subiti dal giovane e dalla madre. I due in precedenza non avevano mai denunciato per paura di ripercussioni da parte del cinquantaquattrenne. L’uomo è accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali aggravate verso il figlio e la moglie.

Ti consigliamo come approfondimento-Violenza circumvesuviana San Giorgio a Cremano: chiesta l’archiviazione

Uomo lega figlio, confermate le violenze dalla moglie

Le manette nei confronti del cinquantaquattrenne sono scattate in seguito alla convocazione della moglie in Questura. La moglie ha confermato le parole del figlio e ha parlato anche delle violenze da lei subite. Infatti, ha descritto situazioni in cui veniva picchiata con la cintura o strattonata per i capelli o percossa con schiaffi e pugni. Il padre è stato quindi arrestato e rinchiuso nel carcere di Santa Maria Capua Vetere, in attesa di giudizio. La madre e il figlio sono adesso assistiti da alcuni psicologi per affrontare nel miglior modo possibile la situazione. Per ora sono al sicuro con la speranza che la legge faccia il suo corso.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

venti − quattordici =