Tumori: il vaccino anticancro per l’uomo è realtà e funziona

0
797
Tumori vaccinazioni
Foto da improntaunika.it

Ha dell’incredibile la notizia che arriva dal Mount Sinai Hospital di New York. Un vaccino sperimentale contro il cancro è stato testato con successo su un ristretto numero di pazienti affetti da linfoma. Dunque, si è vicini a una possibile cura contro i tumori? Scopriamo di più sulle reali capacità di questo vaccino.

Ti consigliamo come approfondimento – Pronto soccorso: nuovo codice per le liste d’attesa

Tumori: ecco come il vaccino uccide il linfoma

TumoriSi tratta di un “vaccino in situ”, ovvero iniettato direttamente nel punto in cui sorge il tumore. Ma come funziona esattamente?

I ricercatori spiegano che si tratta di somministrare una serie di stimolanti immuni. I primi stimolanti hanno il compito di richiamare il sistema immunitario contro i tumori. I secondi, invece, servono per avviare la risposta immunitaria vera e propria, attivando quei segnali che consentono ai linfociti T di attaccare il tumore. Il sistema immunitario viene dunque istruito a riconoscere le cellule malate e a distruggerle. Ciò non solo nel punto in cui si trova il tumore, ma anche nel resto del corpo dove alcune cellule malate potrebbero essersi diffuse.

Ti consigliamo come approfondimento – Napoli, prevenzione gratuita con il progetto “Hub and Spoke Melanoma”

La soddisfazione di Joshua Brody e Silvia Formenti

Tumori

Il direttore del programma di immunoterapia per linfoma, Joshua Brody, ha spiegato che l’obiettivo è quello di consentire al corpo di riconoscere i tumori, rendendolo consapevole degli stessi, per poi combatterli ed annientarli. La terapia viene definita “vaccino” proprio perché crea un sistema di immunizzazione per combattere la malattia.

“La scomparsa da zone non trattate è uno dei risultati più interessanti”. A parlare è Silvia Formenti, responsabile di oncologia e radiologia alla Weill Cornell di New York (unità di ricerca biomedica e scuola medica della Cornell University). Ella non ha lavorato al progetto ma sta seguendo un percorso simile.

Ti consigliamo come approfondimento – Explorer: nuovo scanner 3D polivalente per la lotta al cancro

I primi risultati della sperimentazione

tumoriLa sperimentazione clinica effettuata in 11 pazienti ha portato alla completa guarigione di alcuni di essi, in un margine di tempo che va da pochi mesi ad un anno. A seguito di questi incoraggianti risultati, la sperimentazione verrà estesa anche ad altre tipologie di tumori. In particolare:

  • alla testa;
  • al collo;
  • al seno;
  • al fegato;
  • alle ovaie.

Joshua Brody infatti aggiunge che “l’approccio mediante il vaccino in situ ha vaste implicazioni per diversi tipi di tumore”.

Ti consigliamo come approfondimento – Birra contro il cancro? Un alleato davvero inaspettato
Immunoterapia come arma sempre più importante nella lotta ai tumori

TumoriMichele Maio, direttore della Cattedra di Oncologia dell’Università di Siena e del Centro di Immuno-Oncologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Senese, in un’intervista rilasciata al giornale Repubblica afferma quanto segue.

Negli ultimi 10 anni, l’immuno-oncologia, una vera e propria nuova disciplina che utilizza farmaci immunoterapici, ha rivoluzionato la lotta contro la malattia. Dopo i primi due grandi passi in avanti rappresentati dalla chemioterapia e dalle terapie mirate, stiamo assistendo a svolta nel trattamento dei tumori. Il tutto grazie alla progressiva estensione dell’efficacia di quest’arma. Sono in corso studi sulle neoplasie gastrointestinali, della vescica, del fegato, del seno, dell’esofago e in molte altre. L’obiettivo non è più colpire direttamente il cancro, ma agire sul sistema immunitario. Le cellule oncogene sono furbe ma le ricerche ci stanno svelando sempre di più sulle tattiche che utilizzano. Dobbiamo essere in grado di esaminare i meccanismi nel loro insieme e di capire quali sono i farmaci immunoterapici da usare, in sequenza oppure in combinazione, e quali altre molecole utilizzare in più, come stiamo vedendo dagli studi in corso”. 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here