Spiagge, arriva il nuovo pericolo: come cambieranno entro il 2100

0
279
spiagge

La trasformazione del territorio litorale è iniziata già tanti anni fa, a causa dei cambiamenti apportati dalla mano dell’uomo. Oltre a sviluppo urbanistico, bonifiche del territorio, insediamenti industriali e infrastrutture turistiche, preoccupa il problema dell’erosione costiera, ovvero il fenomeno di arretramento della linea di costa. Secondo le stime del WWF questo porterebbe alla riduzione del 50% delle spiagge nel mondo. La dinamica dei movimenti costieri è regolata da vari fattori. Quello più rilevante è meteo-climatico, cui si aggiungono l’estrazione di acqua, gas e petrolio dal suolo o l’alterazione dei sistemi dunali nelle piane costiere.

Ti consigliamo come approfondimento – Spiagge Plastic Free e Smoke Free: arriva l’estate più ecologica d’Italia

I cambiamenti climatici

ghiacciaiSicuramente la causa più devastante è quella climatica. I gas serra stanno portando al rapido surriscaldamento terrestre. Ormai non esistono più stagioni ben definite e le temperature cambiano di giorno in giorno.

Lo scioglimento dei ghiacciai è già in atto da anni e ha provocato l’innalzamento del livello del mare. Basti pensare che in Liguria il mare è già avanzato di 50 metri negli ultimi 50 anni. A rischio anche il Nord Adriatico, il golfo di Taranto, il golfo di Oristano e Cagliari, dove si prospettano aumenti da un minimo di 53 centimetri a un massimo di 97 centimetri entro il prossimo secolo.

Ti consigliamo come approfondimento – Tra climate change e startup: come cambiano le vacanze del futuro

Come cambieranno le spiagge italiane

spiaggeNello specifico le spiagge italiane che, in base ai dati più aggiornati, subiranno maggiori variazioni si trovano:

  • In Molise, con una percentuale del 91%;
  • In Basilicata, con una percentuale del 78%;
  • In Puglia, con una percentuale del 65%;
  • In Abruzzo, Marche e Lazio.

Tali dati preoccupano gli amanti delle vacanze estive al mare. Da sempre, infatti, le spiagge rappresentano divertimento, relax e tintarella. Ma spaventano soprattutto i gestori degli stabilimenti balneari: il processo di erosione determina anche un progressivo arretramento degli arenili.

Per far fronte a questo fenomeno, si sono recuperati milioni di metri cubi di spiaggia da riversare su quelle devastate. Ciò ha fatto scattare l’allarme anche per le specie che vivono a ridosso della costa, come vongole, lupini e telline. Ovviamente questo inciderà negativamente anche sulla pesca e sul mercato ittico.

Ti consigliamo come approfondimento – Vongole e telline sono a rischio: l’ultimo attacco al mare italiano

Come fare per risolvere il problema

spiaggeL’uomo, sicuramente, non può evitare i processi naturali come le mareggiate, che ci sono sempre state e continueranno a esserci. Quello che è possibile fare per arginare il problema è sicuramente limitare l’inquinamento. Soltanto disinnescando il processo di scioglimento dei ghiacciai è possibile arrestare anche questo fenomeno.

Un’azione utile potrebbe essere quella di costruire dighe frangiflutti, evitando che le onde si infrangano direttamente sulle spiagge. Con questi accorgimenti dovremmo limitare danni naturali ma anche economici. Non dimentichiamo le conseguenze negative che subirebbe il turismo. Tuttavia non possiamo aspettarci che tutto resti uguale a oggi perché, al di la dell’intervento dell’uomo, è impossibile arrestare l’evolversi delle cose. Neanche quando si tratta, purtroppo, di calamità naturali.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here